04/02/2008

All'Università Cattolica, -->

Presso il Centro di Cultura Raffaele Calabrìa di Benevento è stato presentato il volume Tommaso Rossi-Opere Filosofiche pubblicato dalle prestigiose Edizioni di Storia e Letteratura (Roma 2006, pp.LXX-410), a cura del prof. Angelomichele De Spirito che ha ulteriormente arricchito il testo con un ampio saggio introduttivo.

Tommaso Rossi appartiene alla schiera dei filosofi meno noti del Settecento, ma per Giambattista Vico, suo contemporaneo, egli era:degno della più famosa Università dell'Europa ed è da circa trent'anni che il prof. De Spirito, docente di Antropologia culturale presso l'Università degli Studi di Salerno, indaga con passione e pazienza la sua storia, il suo pensiero e cerca di tenerne viva la memoria.

Nato a San Giorgio la Montagna (l'attuale San Giorgio del Sannio) sul finire del 1673 da illustri genitori, il Rossi studiò e si laureò a Napoli in utroque jure, venne quindi ordinato prete nel 1697 a Benevento dall'allora arcivescovo Vincenzo Maria Orsini (papa Benedetto XIII), fu parroco a Montefusco (AV) per 25 anni e dal 1729 abate del collegio canonicale del paese natale, dove morì nel 1743 e da quel momento il teologo e filosofo sangiorgese cadde in un quasi totale oblio fino a quando, nella seconda metà dell'Ottocento, Luigi Settembrini, rettore dell'Università di Napoli, ne fece un encomiastico ricordo, egli scrisse:Noi crediamo che il Vico e il Rossi sono i più grandi metafisici nel Settecento, e che per trovare chi li agguagli in Europa bisogna arrivare fino a Kant.

All'inizio del Novecento, il francescano Isidoro Cozzi stese solo alcuni cenni biografici, ma finalmente oggi, dopo un altro secolo di oblio, la vita e le opere del Rossi: Considerazione di alcuni misterj divini (1724), Dell'animo dell'uomo (1736) e Della Mente sovrana del mondo (1743) sono racchiuse in un unico volume, alla portata di chiunque voglia conoscere questo filosofo sannita ed erudirsi in materia, inoltre, il saggio introduttivo di De Spirito ne ricostruisce il nesso tra personalità, esperienze di vita e produzione scientifica, per un conveniente approccio allo studio del suo pensiero teologico e filosofico.

Hanno relazionato sul volume il prof. Enrico Nuzzo dell'Università degli Studi di Salerno, il prof. Mons. Franco Piazza dell'Università degli Studi del Sannio ed il prof. De Spirito, mentre le conclusioni sono state affidate all'Arcivescovo di Benevento S.E. Mons. Andrea Mugione.

ANNAMARIA GANGALE

 

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Libri"