04/06/2014

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

al mio penziere una sola riforma si dovesse fare ala mia cara Italia comaddire ci dovesse tornare la Munarchia. Camò ti spieco.

Nun saccio si vi aviti addonati ca ala Spagna dala sera ala matina siè cambiato il Re. Appena aizato il patre ave ditto al figlio da cuesto momento cumanni tu perchene io maggia arrepusà. E accussì funghette. Il figlio Fulippo dala sera ala matina sè arritruvato Re di Spagna.

Ala mia cara Italia peffare un prisidento ca cumanna prima sannafà le primarie ca propetamente mi pare una zarzuela mieza ala vianova catù ci dai unevere e loro ti danno una scheta ettù cuma nu strunzo scrivi. Pò sannafà le riunione di partito ca deve accapare i canditati. Pò si fanno propetamente le lezzione ca il popolo vace avvotare inta certe scole ca al solo penziere mi comuovo ca cuanno ce steva Isso il Duce Musellino la scola era meglio di una chiesia ettù capisciammè. Pò sivace inta la tili visiona e nun si capisce mai chi avea vingiuto perchene ognuno ave vingiuto ma nun si sape chi adda cumannà.

Si turnasse la Munarchia si sparambiasse tanti sordi ma la cosa pringipale si sape da prima chi cumanna perchene cumanna il Re. E chi è il Re si sape da cuanno nasce il pringipino e accussì era ala mia cara Italia cuanno non ce steva chesta ammesca frangesca dela ripubblica capò cianna stace puro i sindacati il popolo si à fezzionava al pringipino e lo voleva bene e cuanno il Pata Terno si chiamava il patre il pringipino addeventava Re e tanti altri pringipini erano pronti a pigliare il posto si arrassusia era murì il Re.

E si capisce ca la mia cara Italia era rispettata in tuto il mondo e si era fatto onore inbace e in guerra anche perchene il Re si veste cò una divisa ca si capisce ca isso è il Re e lautri nun songo nucazzo. No cumammmò ca stu pigliangulo di Renzo vace giranno in manico di cammisa cu certi cauzunu azzampa fuossi ca io in caso di uerra penzo ca si si dovresse apprisintare sul cambo di battaglia i surdati si mettessero a ghiucà accarte cu isso.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."