10/04/2008

Valorizzare l'agricoltura e l'agroalimentare

Condivido pienamente lo spirito di confronto propositivo che la Coldiretti intende instaurare con i rappresentanti istituzionali e con i candidati, in vista della prossima tornata elettorale, perché incontra il metodo da me proposto.

Ho, infatti, impostato il mio programma su un approccio metodologico e programmatico per riorganizzare le funzioni dell'ente provincia attraverso obiettivi di lavoro.

La nostra idea è quella di ricominciare a ragionare in termini di valorizzazione del territorio senza dover necessariamente importare modelli che provengono da realtà diverse.

Promuovere il metodo della filiera produttiva significa anche eliminare i passaggi intermedi e gli spazi di speculazione riducendo, quindi, il costo finale del prodotto.

È inoltre importante rivedere il ruolo della provincia nell'ambito della programmazione regionale che ci consenta di regolare in maniera autonoma risorse essenziali come l'acqua e l'ambiente.

È necessario porre mano, immediatamente, alla definizione di un progetto realistico di utilizzazione dei fondi legati all'Agenda 2007-2013, già in ritardo di un anno.

L'agricoltura e l'agroalimentare, che devono essere ammodernati sfruttando i progressi della tecnologia, impegnano oltre il 50% del tessuto imprenditoriale della nostra provincia e devono, dunque, ritornare ad essere i primi interlocutori della definizione di linee strategiche e di sviluppo del territorio.

I tabacchi rappresentano ancora una parte rilevante della produzione, impegnando per questo le istituzioni a recuperare uno spazio di decisione maggiore sulle determinazioni delle scelte messe in campo dall'U.E.




.

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Speciale elezioni 2008"