22/04/2008

Pietro Piperno

E' un personaggio poco noto se non addirittura sconosciuto alla maggior parte dei cittadini di Benevento. Il Comune di Benevento gli ha dedicato una traversina che collega via Orbilio Pupillo con via Stanislao Bologna, zona tra Piazza Roma e via Annunziata.  Pietro Piperno è l'autore   del  trattato storico De nuce maga. La prima stampa compare  nel 1635. Il De nuce maga è un piccolo trattato in latino ed è dedicato a Monsignor Traiano della Vipera, Archidiacono della Città.

Nel 1640 compare  la seconda impressione, ossia la ristampa non meno vaga, che curiosa, adornata di figure, con più indici copiosissimi, da molti errori emendata dal titolo modificato in Della superstiziosa noce di Benevento  ed è dedicata al molto illustre Signor Mio Padrone  osservandissimo,  il Signor Giovanni Camillo Bilotta.  Il trattato è diviso in quattro parti. La parte prima analizza l'origine della noce superstiziosa e come quella fu da San Barbato Vescovo di Benevento fatta tagliare, con il ritrovarvi un demonio in forma di serpente nelle radici e altri curiosi uccelli intorno a quello.

La parte seconda è dedicata a due famiglie nobili beneventane, che ebbero i loro principi nello stesso tempo che si recise la superstiziosa noce, le quali utilizzarono come simboli di famiglia gli idoli che in quel tempo i beneventani adoravano. La parte terza è suddivisa in ulteriori tre parti:  la prima sottoparte evidenzia la celebrità di questo superstizioso luogo laddove stregoni e streghe, maghi e maghe di tutto il mondo si davano convegno; la seconda prende in esame  alcuni casi di  stregoneria; la terza ci informa di  tutte le strane apparizioni viste nei pressi del noce.

La quarta conclude il trattato ponendosi degli interrogativi: perché le streghe si radunano più in questa parte del beneventano  che nelle altre parti e perché esse sono piuttosto donne che uomini? Sul frontespizio di tale trattato  il Piperno   è definito  filosofo  e medico nonché della grande giurisdizione di Santa Sofia, protomedico della città. Il protomedico  era il responsabile sanitario della città ma aveva anche  il compito di verificare  le abilità professionali di coloro che volessero intraprendere l'attività di farmacista o di medico stesso.

Come uomo di scienza il Piperno nella sua opera tentò di dimostrare l'infondatezza  che Benevento fosse la città dei raduni satanici delle streghe, ma cadde in due  ingenue affermazioni: la prima fu quella di indicare  Benevento come luogo famoso per il sabba, la seconda   nell'individuare nella proprietà del nobile Francesco di Gennaro la presenza del noce magico. Tale proprietà è all'incirca  due miglia dalla città di Benevento, costeggiando la riva meridionale del fiume Sabato procedendo verso lo stretto di Barba. Il primo ad indicare Benevento come località avvezza alle opere magiche  fu Sant'Agobardo, il quale nella sua opera Contra insulsam vulgi opinionem de grandine et tonitruis liber ( Contro la stupida opinione popolare sulla grandine e sui tuoni), narra che Grimoaldo, duca di Benevento, fu accusato di essere causa di  una pestilenza  per aver utilizzato una polvere magica, fatta spargere dai suoi servi per i campi e per i fiumi.

Agobardo riferisce che moltissimi sventurati furono arrestati e messi a morte per quel reato. Dunque Benevento era proprio la località più nota dove si svolgeva il Sabba. Ma che cosa è il sabba? Una riunione di streghe  e stregoni in luoghi macabri e solitari che, secondo le leggende medioevali, si teneva nella notte fra il 30 aprile e il 1 di maggio, oppure ogni sabato, da cui il nome. Durante il rito veniva glorificato Lucifero, principe assoluto del male.

            
CLAUDIO REALE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Sanniti illustri"