16/10/2014

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

vulesse dice a tanti strunzi ca inta la tili visiona vaceno dicenno ca si bisogna metere nela bustapaca la muneta ca il patrone si era stipato per pacare la buona uscita ma lu sapeno loro ca questa muneta vi dovete fare i cazzi vostri?

Perchene pepprima cosa nunné ca il patrone dala sera ala matina piglia e mete in bustapaca addò li vace a pigliare tuti questi sordi.

Eppò vi rendeti conto ca il lavoratore senza un freno ca sulo il patrone pote tene sarria cazzo di antare a cunzumare tuta la moneta nel gioco dele carte ò con il putanesimo dele donne ca oggi come mai nunnaspetta altro ca enchiersi le pacche à spese del masculo caè propetamente nustrunzo.

Inzomma al mio penziere bene facette Isso il Duce Musellino cuanno riunivo tuti i gerarchi condicente Noi al popolo Taliano li faciamo iettare usango dala fatica ma ci diamo lImbero e la Penziona.

Nunné ca Isso il Duce Musellino era un uomo fauzo coma certa gente ca cunosciamo tuti. Isso il Duce Musellino era uomo donore perchene nun teneva difetto e anzi il fatto ca ci piaceva la donna pepprima cosa era la donna che ieva addù Isso eppò fatto quelo nun teneva altri vizzii. Allora Isso il Duce Musellino dicette Noi ci pigliamo tanto al mese al lavoratore e celo stipiamo coppa a una libbretta ca cuanno arrassusia ariva ala penzione il lavoratore siè come se continuasse a fatià ma senza sutore dela fronde.

Il prisidento Renzo ca mipare nu cameriere di barro cucchella cammisella ianca nunnè capito ca il vero lavoratore nun ciave bisogni di guadambiare dippiù. Al vero lavoratore cinteressa di fare una buona vecchiaia ca nunnè ca ciabbasta la buona salute come si diceva una vota.

Coi figli ca se foteno il lavoratore sadda preoccupà di trovare una brava batante ca adda esse giovane e di bella presenza per cuanno si deve ascire pè andare appassegio. Si io nun tengo una penzione ogni mese cucchè la paco ala batante?

L'unica cosa sarria di araprire un casino e puro in chesto Isso il Duce Musellino funghette un uomo cueppalle ennò questi smidolati di atesso ca nun songo enné carna enné pesce.

Col quale ti saluto e ti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."