05/11/2014

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

al mio penziere ci stesse una maniera di fare quaccosa di sordi da parte del Comune e sarebbe di copiare quelo ca faceno cinesi e negri de Lafrica la quale si metono di fronte ai negozzii cola coppola immano condicente Buon giorno e Buona sera. Inzomma ti addimannano la limosina ma senza insistere troppo e puro facenno un soriso capò si doppo ti menano le iasteme chesto nulo saccio.

La mia cara Italia sisà stace cuculo inte pummarole e cè bisogno di aiuto.

Ma è inutile ca ogni mese vulesse ca pachiamo sembre tasse emmò laqua emmò il gasso emmò la luce emmò la munnezza inzomma la moneta vola e vace affenire nela sprecheria ca al mio penziere quasi quasi mene turnasse definitivo ala Germania.

Tu dici ma il Comune di Benevento nun si pote metere addimannare la limosina. Ma perchene che cosa face cuanno mete in mezo ala strata quei crestiani della ditta dei Autobbus Orbano la quale attré attré vaceno rumpenno ucazzo acchì sera scurdato di metere il buglietto ala machina che sera fermata peffare nupoco daqua oppuramente pe accattare le sicarette. Eppò scrivono puro il verbale come si fosse una sentenzia catù sei un evasore come si fosse io il malamente ennò il Comune ca pretente ca io nunnaggia sbaglià cuanno facennomi i cunti penzo ca mi abbasta una mezora e immece ce ne metto due ore perchene mi fa pacare la multa ennò sulamente la diferenzia e mi domando eddico. Ma che male aggio fatto e acchì aggia acciso si mi sbaglio per erore?

Come ti dicevo, si fosse io la Sessore alramo chiamasse a tuti guanti i dipendenti comunale abbiando dai viggile orbano peffinire ai Autobbus Orbano e li cuntasse auno auno eppò mi chiudesse inta uno stanzino co il Raggioniere Capo e facesse ascire un manifesto condicente due punti Ognuno a suo posto. Ciové una cocchia al Cimitero quattro cocchie al campo sportivo cuanno ioca il Benevento una cocchia a ogni portone dei suprammercato una cocchia fore a ogni farmacia e così di sequito dopo un mese io vulesse ca il Comune facesse i cunti pè vedere cuanto ciave guadambiato.

Ma peffare questo mestiere ci vole ducazzione e soriso sembre tale e quale come succede al negro de Lafrica catù celo dai con piacere mezo evero mentre al viggile orbano cola faccia feroce sulo pè paura ca isso mi aresta io nun ci giro i tacchi.

Si mango accussì il Comune riesce a racimolare quaccosa di sordi alora al mio penziere nun ci resta di araprire tre casini aperto vintiquattore su vintiquatto.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."