19/11/2014

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

al mio penziere sbaglia il guverno cuanno succede ca lumanità è stronza e vulesse ca il guverno ci deve pacare i danni dela stronzaggine. Camò ti spieco.

Nun vulesse mangare di rispetto acchì more ma ti pare ca uno cuè cervelle apposto si face la casa sotto a uno spuntone di montagna oppuramente arrecapeta di ciumo cuanno si sape ca si vene à chiove la prima cosa che succede siè ca lu ciumo porta chiena e la terra frana.

E' una legge di natura e tuto il popolo cuanno iettava usango a fatiare nela terra lu sapeva tantè ca si faceva i surchi e le traverse e si appulizzava le foglie e lereva inta le scarpate e ogni tanti ce steva puro nu surco chiu grando accussì ca laqua nun si sprecava e si aunava peffare adaquare luorto oppuramente cepolle effasuli.

Il cuntatino agricolo di una volta nunnera strunzo e sì veneva a chiove nunnè ca si chiudeva ingasa aspettanno ca fenesse ennò isso asceva cò zappa e sciamarro e si era nicissario scavava e aiutava laqua e scolare addove nun faceva danno. Al mio penziere mai eppoi mai il cuntatino agricolo di una volta si faceva trase laqua ingasa pela finestra ca queste cose sono cose da ingignieri ca loro ti fanno un cargolo inta lu compiutor senza mango affacciarsi addove sadda fravecà la casa.

E accussì succede ca ala prima aqua pe sapè si la casa siè allacata la gente nunnesce mango dafora ma abbiccia la tilivisiona e doppo ca si era addonata ca la casa era circondata esce dafora e tuta cuntenta parla inta la tilivisiona.

Pò arriva il ministro a prumette mari emmonte. Ma perchene nun ci dice ca si deveno accattare una zappa e una pala?

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."