04/12/2014

Ancora in salita l'imprenditoria femminile

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/donneeconomiaimpresa.jpg

Il ruolo delle donne nella storia, passata e presente, dell’imprenditoria italiana: questo il tema al centro del seminario “Donne Economia Impresa. Politiche e Governance per le Pari Opportunità?”. Il convegno si è svolto nella Saletta Rossa del Rettorato, in piazza Guerrazzi a Benevento ed è è stato promosso dall’ Università del Sannio, con la collaborazione dei Lions Club Benevento Arco Traiano e della F.I.D.A.P.A. BWP di Benevento (Federazione Italiana Arti Professioni e Affari).

Promotrice e coordinatrice dell’evento è stata la prof.ssa Rossella Del Prete, la quale, dopo i saluti, ha fatto un excursus storico sull’incidenza della donna nello sviluppo economico italiano dal Medioevo al Novecento. La relatrice ha evidenziato come negli ultimi cinquanta anni abbiamo assistito, in Italia, all’aumento della presenza femminile nel settore imprenditoriale, soprattutto nel Mezzogiorno e nelle Marche. La donna è stata sempre decisiva nei momenti di difficoltà ed ha dimostrato grandi capacità nel conciliare il ruolo di madre con quello di imprenditrice; abilità, queste, che, sebbene non vengano ancora riconosciute, potrebbero essere cruciali per il superamento dell’attuale crisi della nostra economia.

Successivamente, a fare un’analisi economica del mondo del lavoro italiano è stato il professore Emiliano Brancaccio, il quale ha confermato la gravissima crisi che ha colpito il Bel Paese dal 2008 ai giorni nostri, una crisi che ha provocato la contrazione dei consumi, la costante chiusura di attività commerciali e l’aumento della disoccupazione giovanile fino al 61%.

In questo palcoscenico drammatico - ha proseguito l’economista - abbiamo rilevato che a risentire maggiormente di questa situazione sono gli uomini. Paradossalmente c’è stato un cospicuo avvicinamento delle donne al mondo del lavoro e potremmo assistere ad uno storico mutamento della struttura occupazionale, influenzata in modo significativo dal cambiamento della struttura politica del paese”.

Il professore ha concluso, poi, affermando: “Questa crisi può rappresentare un crocevia per i rapporti tra generi e, nonostante ci sia un tentativo per ripristinare un antico ordine dei valori tradizionali e ricacciare la donna nel focolare domestico, dobbiamo opporci a qualsiasi tipo di discriminazione, da quella sociale a quella di genere”.

In seguito Paola Saracini, delegata alle Pari Opportunità di Ateneo, ha proseguito: “Bisogna incentivare l’imprenditoria femminile attraverso strumenti normativi per consentire alle donne di fare impresa ed accedere più facilmente al credito. I datori di lavoro hanno paura di assumere le donne e noi abbiamo il compito di provare ad invertire questo dato discriminatorio”.

In perfetta sintonia anche Anna Pezza, direttore Confindustria Benevento: “La crisi ci può aprire nuovi orizzonti e soluzioni ma dobbiamo trovare nuove risorse strategiche per la crescita, dare più importanza al capitale umano e tendere ad un modello integrato tra famiglia e lavoro”.

Per aiutare e sostenere le donne - ha dichiarato, infine,Vincenza Stefanucci, del Comitato Imprenditoria femminile Cciaa di Benevnto - dobbiamo far conoscere le possibilità di sostegno alle giovani imprenditrici con incentivi fiscali, finanziamenti e, in modo particolare, con l’applicazione di regole e principi che vietino qualsiasi discriminazione di genere”.

Il convegno è stato caratterizzato anche dall’assegnazione del premio “Leonesse sannite”, premio che viene assegnato a donne della nostra realtà che si siano distinte per valori professionali, civili e sociali. Il riconoscimento, quest’anno, è stato attribuito all’imprenditrice Fausta Rosa, delle Fabbriche Riunite di Torrone di Benevento, perché ha saputo continuare l’antica tradizione dei mastri torronai beneventani e per l’impegno nell’aver reso competitivo, sul mercato nazionale ed internazionale, un marchio artigianale di altissima qualità.

Fausta Rosa - ha concluso Del Prete è donna di successo perché è stata capace di coniugare, con discrezione, lealtà e dedizione, i suoi impegni professionali con quelli di madre, moglie e cittadina esemplare. Oggi, più che mai, è un importante punto di riferimento per le imprese del territorio e ancor più per le giovani imprenditrici”.

GIANLUCA MOSCATIELLO

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Università del Sannio"