04/12/2014

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

inta la tili visiona ce stanno certi strunzi ca vulessero spiecare perchene veneno certe malatie capò si ci scapa ca uno more loro diceno ca nun steva accunto. Camò ti spieco.

Piglia lanfluenza ca ogni anno a ottobbre la tili visiona dice milioni di gente inta lu lietto e ogni tanto ci scapa il muorto e sarria nienti si fosse nu viecchio male andato ma ci pote esse puro nu uaglione.

Allora abbia la zeza di chi era stata la colpa e prima angora di sapere una verità esce inta la tili visiona il ministro dela salute e specialmente si il ministro era una femena noi ci dobiamo stare assentere uno ca parla ma nun sape chelo ca dice perchene essa nunnè lauriata in medicina e nunnè mango una infermera ca affuria di sentere di parlare i miedici caccheccosa puro se limbara. Al mio penziere si dovesse stabbilire ca nisciuno si nun sape chello che dice adda arapire la vocca.

Eppò diciamo la verità la sugietà muderna ave ridotta la popolazzione tuta ribbosciata e la giuventù nun si reie mango alallerta.

Cuanno ce steva Isso il Duce Musellino tuta la popolazione era pacato apposta per stare bene insalute e adderitura il sabbato fascisto tuti ievano ala sfilata ecchi zumpava coma nu rillo e chi passava nel cerchio di fuoco e chi faceva il saldo mordale e almeno di sabbato e di domeneca tuta la popolazione steva in salute. Lati iurni chi faceva u zeze ce steva una medicina ca faceva miraculi e si chiamava uoglio di ricino.

Addare le sembio ce steva propetamente Isso il Duce Musellino laquale nunnera mai pigliato mango nu rafredore puro chella vota ca iette a metere il grano a pietto infuori e la gente nunnera cazza di stare alla para e chesto significava ca uno sulo era meglio di tuti lautri messi ansieme.

E chesto sarria la vera dimo grazia.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE 

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."