21/01/2015

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

al mio penziere savessafà come già facette Isso il Duce Musellino cuanno se ne futtette dele inigue sanzione dela perfita Albiona e mannavo affangulo lingresi e adderitura facette Limbero anzi ne facette dui Imberi. Uno in Albania e uno in Africa. Primo in questo modo il popolo Taliano tene luntano tanti sfacenenati ca vulessero la diso cupazione e la cascia inte grazzione immece noi li mandiamo affatià nele terre de Limbero. Sicondaria mente tuti queli ca simbarcano arrischio di affocare inta lu mare li tirottiamo perle terre spase alsole ellà si poteno addestrare in caso di uerra.

Al mio penziere si fosse io il ministro del Estero aizasse dei recinti appositamente pogettato per dare sfoco a certe femene indemoniate di pace ca prima sene vanno coma tanta scigliacennere eppò cuanno vedono lindiggeno ca di pace nun ne vole stare assentere abbiano a chiagne e il sordato Taliano adda corre pè salvarle.

Ma si nun abiamo un Imbero come cazzo potiamo tenere il soldato Taliano sembre a disposizzione?

In caso di bisogno oggi dobiamo addimannare un passaggio aerio ala Frangia oppuramente ala Merica o meglio angora ci dobiamo arriduce a mannare una montagna di sordi per la libberazione. Capò dobiamo sentere ca non abiamo pacato niente.

Si ciai fato caso quelle doi uagliottole ca ultima mente anno tornato in patria cuanno il Ministro Taliano diceva ca il governa Taliano mai epopoi mai ave pacate esse rirevano sotto ai baffi.

E accussì faciamo sulo figure dimmerda.

Col quale ti saluto e ti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE 

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."