18/02/2015

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

quelo ca nun taspietti ti attocca e songo cazzi amari.

Il cumunista cera ditto da ci abbastava di stare cola Uniona Sovieteca ecci penzava essa a noi. Pane e lavoro arrivava diretta mente dala Russia e noi Taliani si doveva sulamente fare la sfilata del primo maggio e tuti accantare Bantiera Rossa.

None rispunnette la Merica. Noi siamo della Dimo Grazzia evvi diciamo ca potete cantare tuto quelo ca vi passa pela capaca sulamente voi doveti votare la Dimo Grazzia Crestiana anche per rispetto al Papa ca è robba vostra e la Merica non vi farà mangare niente di tuto quelo ca serve per cambare. E accussì funghette.

Il popolo Taliano si spaccò in due e ce steva il cumunisto e il dimonio crestiano.

Ma il popolo Taliano facette un altro erore e ciovè si scurdavo ca cuanno ce steva Isso il Duce Musellino noi ci eravamo costruito lImbero ma la uerra non andiede come doveva andare e tute le terre spase al sole ca erano ò casione di lavoro per tanti spetetelanzoni sele pigliarono i Frangesi e Lingresi ca songono uno chiu fauzo delaltro.

Emmò il guverno di tute cheste uagliottole cumannate da uno sparapose ci ave comunicato ca dalla Libbia è meglio ca ce ne andiamo.

E insomma aieri matina il popolo Taliano ca ave fatto nasce un giardino dal deserto si è dovuto aprisentare co una mano ncapa e nata ngulo pè saglie sopra una barca ansieme a tuti quei niri ca venevano ala mia cara Italia penzanno di venne cauzettini e datteri infilati àmazza.

Adderitura una barca di questi Libbici moderni ave sparato ala barca dela Marina la quale nunnave potuto reaggireperchene il cumandante adda dimannà il permesso al comandante supreme il quale addà vedè che ne penza il ministro la quale adda telefonà a Renzo che appena tene nu poco de tiempo cerca il prisidento dela Ripubblica.

Al mio penziere si ce stesso Isso il Duce Musellino avesse già partuto dala basa di Taranto una flotta navale ca pepprima cossa arrivata a Tripoli avesse ordinato Per cortesia ci faciti un pieno di benzina?

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."