06/05/2015

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

noi abiamo stato imbarato affare certe cose nela scurità manon sembre perchene erano cose di mala spurchizia. Chessaccio puro il bisogno corporale cà uno nunnè ca si deve mette scuorno si faceva arrecapeta e muro oppuramente si era atto grande addereto a una supala. Eppò parole grasse si putevano dice sulo tra frati essore mamai in presenza del patre il quale immece teneva il privileggio di poterle dice a tuta la famiglia e nisciuno era auturizzato di risponne.

Accussì era la famiglia ca uno cumannava e tuti si dovevano ubbidisce.

Al mio penziere puro il guverno avessa esse cuma una famiglia ca il prisidento cumanna e il popolo adda esse cuntendo ubbidisce. Manò comammò ca saiza nu strunzillo emmerda qualungue e dice scentiamo in piazza e organiziamo una sfilata di gente rechiona laquale laddafà apposta di scantalizzare lanimo innocente ca si trova a passane mieza ala strata.

Si uno è rechione al mio penziere nun songo cazzi miei e buonprò li faccio. Ma isso nunnadda tenè il deritto di rompucazzo ammè ca nun voglio sapè si isso ave deritto di avere un figlio o si si pote spusane in chiesia o al municipio. Accussì come ammè nun mene fote di sapere se la chiu bella uagliottola di Benevento si sposa co lindustriale ca tene i sordi.

Inzomma ti voglio dice nunnè ca sulo perchene uno è rechione io nulo voglio stare a sentere. Io nun voglio stare a sentere a nisciuno.

Lu tengo questo deritto si o no?

Chesto vulesse sapè e chesto addimanno si qualche prufessore melo spieca senza la pretesa ca io poi laggia crede a qualungue strunzata mammocca.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tui di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."