22/10/2015

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

la storia sembrugliata e nun ci capisco nucazzo.

Nun pozzo mango dice ca mene torno ala Germania doppo chelo ca era succieso cola machina ca Hitteler sera invendato per copiare la Balilla Taliana. Inzomma il lavoratore Tetesco era fatto nu piezzo elavoro perchene vuleva fotte a la Merica condicente questa è una machina ca nun caccia fumo e immece issi i Teteschi cerano misso nu stuppaglio ma la Merica se nera addonato emmò songo cazzi da cacare.

Ala mia cara Italia si perde tiempo perchene la pulitica vace appriesso a certi penzieri strambalati. Nun ciabbastava ca la donna è vuluta passare da sotto ancoppa perchene prima vuleva mettersi apparo cu lome eppò immece vole cumannà ebbasta. Al guverno il prisidento Renzo ca pare uno tuosto immece saddastà a chelo ca dice la Bosco ca però è naddia e femena ca si la uardi pierdi facilmente il filo del discorso.

Allora mò ce stace il divorzio e la donna nunnè ca senevà affangulo e bonanotte essa vole sembre i sordi e le giudicesse femene songo pronte a darci raggione e i giudici masculi fanno le parte dele femene perchene teneno paura di esere accusato di maschilisto ma cuanno mai. La donna divorziata vole esse libbera di sposare un altro uomo oppuramente di sposare una donna perchene la legge nunnè stata fata solo per lome richione ma per parità anche per la donna depravata.

E fino aquà mi stesse puro bene. Il fatto siè ca chesti mescafrangesca di spusalizzi ducazzo vulessero puro dei figli ca nun si sape chi è il patre e chi è la matre e nun si sape come sadda mete il cognome perchene nun saddafà sapè un domani ca il racazzo o la racazza cuanno vace ala scola dice io nun tengo patre ma tengo doi mamme e cuanno la maestra ci risponne come facette mammeta io ussaccio meglie te la racazza è costretta a cunfessare dui punti: Signora maestra nun sausa chiu cume facette mammeta mò si fanno strifichi e incefrachi e adderitura na criatura si sviluppa inta nu buccaccio e cuanno nasce nun si sape chi è il patre ma mango chi è la matre.

E vulessero fà una legge per sciaraugliare la matassa. Sisiccazzo dammi una spiecazzione.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."