05/11/2015

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

mera sciso il latto veramente sotto le cauzette a sentere la radia laquale dice ca la Libbia sera permiso di minaciare ala mia cara Italia condicente come sera permiso la mia cara Italia di mannare una corazzata militare di fronte al Viale Italo Balbo a Tripoli caè come si fosse il Viale Attlantice di Benevento.

Nunnè tanto si la Libbia si ave permiso di offendere ala mia cara Italia cuando la circostanzia ca la mia cara Italia nun ave pigliato pusizzione co uno schieramento di base navale da fare tremare il mondo indero. Io mi sento tanto addolorato perchene questa dimo grazia smidollata il popolo nun se lera meritato. Noi abiamo fato sembre il nostro dovere inbace e inguerra e ci piacesse di tenere un prisidento ca appena un popolo di Libbia ma fosse puro sulo la Tripulitania si permette di ofendere al popolo Taliano la risposta adda esse una sola e al solo penziere di questa parola io mi comuovo.

Perchene questa parola la dicette Isso il Duce Musellino e accussì funghette una risposta sola. Capò il nimico fauzo e buciardo sera à leato Mericani e Cumunisti e celo misero ingulo.

Ma oggi la mia cara Italia nun tene la forza di sparare due palle di cannoni ala Libbia oppuramente nunnè cazza di richiamare lambascia Tore condicente Vieni subbito a Roma e torna subbitio a Tripoli e consegna chesta lettera e vidi si il prisidente dela Libbia nun si caca sotto. E mentre tu ci consegni la letera statti certo ca la squadra navale è partuto da Taranto e nel giro di quinnici giorni è pronta a occupare il porto di Tripoli e già mi imagino ca il prisidente Renzo accapo dele truppe Taliane assettato nela machina scoperta arriva a Tripoli e scenne dala machina e saglie sul cavallo bianco.

Senza sparare un colpo la mia cara Italia facesse un figurone. Ma ce labiamo un prisidento co uno stomaco e un fecato di questa posta?
E quelo ca mi domando eddico Nunnè cosa per noi.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."