05/11/2015

Il nero va di moda... anche a tavola

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/paninineri.jpg

Se ultimamente vostra moglie porta in tavola fumanti tagliatelle nere, oppure una freschissima mozzarella di bufala color carbone, o ancora una focaccia simil pece non è perchè durante la spesa si è lasciata “piacevolmente impressionare” da qualche atletico ragazzo di colore (come sempre più frequentemente capita di vedere a passeggio per le strade di Benevento e del Sannio in generale) tanto da voler inserire colorante per alimenti dark a profusione in ogni pietanza...

Se al ristorante, nel cestino del pane, tra le fragranti fette bianche ne scorgete alcune very black non è perchè vi vogliono rifilare uno scarto da forno...

Se in un garden center o in un negozio di agraria vi imbattete in una piantina di pomodoro nero non è che dovete correre dall'oculista in preda al terrore...

La verità, cari lettori, è che i cibi dal pigmento scuro stanno colonizzando le tavole degli italiani e germogli, in tal senso, hanno affondato le radici anche qui, nel beneventano.

Moda, passaparola o semplice curiosità che sia, fatto sta che il convivio italico - da secoli conosciuto e apprezzato a tutte le latitudini per il trionfo di cibi colorati, gusto e tradizione - si sta modificando un po' alla volta tingendosi letteralmente di noir con una serie di pietanze dal fascino intrigante oltre che dall'innegabile ricchezza di nutrienti.

Le novità più amate in tema di alimenti dark sono il pane, la pizza, la mozzarella di bufala, i bocconcini e la provola affumicata, tutti rigorosamente al carbone vegetale, che non altera il gusto ed è un ottimo rimedio per i disturbi digestivi.

E poi c'è lui - SunBlack - il pomodoro nero ad alto contenuto di antociani, sostanze dal fortissimo potere antiossidante.

In commercio le piantine del superpomodoro si trovano in due varianti: a frutto medio e a frutto piccolo, nelle specialità a grappolo o ciliegino.

Questi alimenti vanno ad aggiungersi ai “nostrani” fagioli neri, more, fichi neri, tartufi e mirtilli, e agli “stranieri” e meno usati semi di sesamo neri, semi di papavero, riso nero Venere, soia nera.

Discorso a parte per il the nero, il caviale e il cioccolato fondente con la più alta percentuale di cacao, amatissimi e consumatissimi in ogni dove già da lungo tempo.

Ma quali proprietà benefiche vengono attribuite ai cibi di colore nero? Notevoli!

Stando, infatti, ad un recente studio condotto da scienziati giapponesi le ottime proprietà antiossidanti degli alimenti scuri sono utili a prevenire cancro, problemi cardiaci e menopausa precoce, inoltre, sono considerati un toccasana anche per i reni.

Risulta importante, dunque, integrare nella dieta, accanto ai cibi verdi, gialli, rossi, arancioni e bianchi anche quelli neri per aumentare le difese dell'organismo, magari suddividendo le famose cinque porzioni di frutta e di verdura consigliate giornalmente fra i vari gruppi.

E' preferibile, poi, consumare i pasti dark di sera in quanto favoriscono il sonno e d'inverno perchè riscaldano.

Il gusto, ovviamente, è una questione puramente soggettiva, ma si contano già tantissimi estimatori.

Mangiare cibi neri, pertanto, fa bene e conferisce anche una vena gotica e inusuale alla tavola, ma mi raccomando... non esagerate apparecchiando pure con lo stesso colore, rischiereste di spaventare i commensali a meno che non abbiate invitato i discendenti della famiglia Addams.

ANNAMARIA GANGALE

annamariagangale@hotmail.it

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Costume & Società"