05/11/2015

Un ciclo di lezioni a Benevento per conoscere la Bibbia

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/lasacrabibbia.jpg

La Bibbia è il “Libro dei libri”, best seller di tutti i tempi, il più letto in ogni tempo, il primo ad essere stampato a Magonza tra il 1453 e il 1455 sotto la responsabilità di Joannes Gutenberg.

Nel 2001 la bibbia di Gutenberg è stata inserita dall'UNESCO nell'elenco delle memorie del mondo. La Bibbia è stata tradotta in 2.426 lingue (almeno un libro), in 429 lingue tutta la Sacra Scrittura, in 1.144 lingue solo il Nuovo Testamento.

La nuova traduzione della Conferenza Episcopale Italiana è del 2009, è la terza dopo quella del 1971 e del 1974, ha reclamato 12 anni di lavoro per offrire un testo più fedele agli originali, più comunicativo rispetto alla cultura di oggi e più adatto alla proclamazione durante la Messa.

Papa Damaso nel 383 affidò a San Girolamo il compito di tradurre i testi originali in latino e nacque la cosiddetta “vulgata”. La “Nuova Vulgata” è stata pubblicata nel 1986, come testo di riferimento ufficiale, realizzata sui testi originali ebraici, greci e aramaici. I testi greci risalgono ai 70 saggi di Alessandria di Egitto del III o II secolo.

La Bibbia è la Parola di Dio all'uomo. San Gregorio Magno afferma che è “la lettera che Dio ci ha inviato”, storia dell'amore di Dio che non si arrende dinanzi all'infedeltà e all'ingratitudine dell'uomo.

Dentro la storia visibile e documentabile del mondo si svolge un'altra storia, il cui filo conduttore non sono le guerre, gli armistizi, o le invenzioni dell'uomo ma le “invenzioni” di Dio, i “mirabilia Dei”, gli interventi meravigliosi della benevolenza di Dio, dalla creazione alla parusia, al centro la venuta di Gesù nell'Incarnazione, il suo silenzio a Nazaret, le sue parole, i suoi gesti, i suoi miracoli.

Questi eventi, tra “promessa” (Antico Testamento) e “realizzazione” (Nuovo Testamento), costituiscono la “Historia Salutis”, la Storia della Salvezza. San Giovanni Crisostomo per prelevare i tesori delle Sacre Scritture ha coniato una parola: “syncatàbasis, cioè “accondiscendenza”.

Dio si abbassa, si china su di noi per accondiscendere ai nostri bisogni. Erasmo da Rotterdam afferma che “la sapienza divina balbetta con noi e, quale madre premurosa, adatta le sue parole alla nostra infanzia”. L'accondiscendenza di Jahvè crea una storia di salvezza che si svolge a tappe. Sono le tappe della pedagogia divina che la Sapienza eterna adatta alla nostra mentalità.

Questi momenti forti si chiamano “Alleanze”. Ce ne sono state tante: con Adamo ed Eva, Noè, Abramo, Mosè al quale Dio rivela sul Sinai la sua identità. Si snoda così una dolorosa storia di alleanze che nascono nell'aurora della speranza rinnovata. Dio non viene mai meno al patto di Alleanza. Perciò il leit motiv della preghiera biblica è sempre questo: “perché eterna è la sua misericordia”.

Ancora oggi la Parola di Dio è la “buona novella” contro la solitudine che non risparmia nessuno, neppure la famiglia che naviga in particolari difficoltà. L'ascolto delle Scritture libera e salva. Nutrirsi della Scrittura è nutrirsi di Cristo. San Girolamo afferma: “L'ignoranza delle Scritture è ignoranza di Cristo”.

Ecco perché la Parrocchia di San Gennaro in Benevento ha organizzato dal 30 ottobre 2015 al 10 giugno 2016, in occasione dell'Anno Santo straordinario della Misericordia, un ciclo di 9 conferenze a cadenza mensile per conoscere meglio la Bibbia e incontrare in essa il Volto misericordioso di Dio. Ogni incontro durerà un'ora e si terrà dalle 20.30 alle 21.30 nell'Auditorium San Gennaro in Via Calandra. Il corso biblico è gratuito ed aperto a tutti. A conclusione degli incontri sarà consegnato un attestato di partecipazione.

Un fatto è certo: la lettura fedele della Bibbia non è opera di navigatori solitari ma va vissuta nella barca di Pietro, perché la Chiesa è la Casa della Parola, la Comunità dell'interpretazione autentica, garantita dalla guida dei pastori.

PASQUALE MARIA MAINOLFI

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Chiesa Cattolica & Religioni"