18/11/2015

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

si putesse cumanna' una mezora ai Frangesi io ce levasse subbito Nizza e Savoia perchene io nunnaggio mai capito come funghette ca Galibbardo ca nunnera nu strunzo si fece levare lu paese suoio e quelo di Vitorio Manuelo Re Ditalia.

Inzomma al mio penziere la mia cara Italia la prima uerra ca arrassusia ci dovesse ricapitare la dobiamo fare propetamente contro ala Frangia.

Ma però mi è dispiaciuto assai ca proprio ala Frangia cianno fatto quelo sfreggio di accidere uomeni innocente masculi e femene ca si penza sembre a Pariggi ca uno si code la vita e immece purollà si face una vita dimmercda e si pote murì coma tanta suricilli.

E il penziere è ghiuto subbito ala nostra frangesa Taliana Carla Bruna ma aggio saputo ca nunnè chiu essa la primadonna perchene era cambiato il prisidento ca ne erano fato unaltro caè angora chiu curto di Sarcosillo maperò puro chisto nuovo è stato di parola e ave ordinato di partire per la uerra e subbito è stato fato un bombardamento attappeto.

E la mia cara Italia cheffà? Il prisidento Renzo steva al Estero e ave scritto al Ministro condicente si ce steveno angora queli otto milioni di baionette oppuramente si sereno futtuto puro chelle. Nisciuno Ministro ave saputo risponne ma cè stato Alfano ca educatamente cera risposto cò un telegramma condicente Caro Prisidente accuorto accome parli perchene la mia cara Italia la uerra nula potefà perchene è vietato propetamente cume è vietato laffissione.

Lo dice la costituzzione del popolo Taliano caè sembre stato nu poco debbole e già cera ricapitato ca a Caporetto eppò alotto Settembre la debbolezza funghette tanta ca nun ce la facevamo mango a fuie.

Al mio penziere sarria una cosa bona di setere al tavolo dela pace perchene sarria meglio di stare presente cuanno ci stace la spartenza ma sipò ànna murì i figli de mamma dicesse lassati sta e facimoce i cazzi nostri.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."