03/12/2015

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

era ricapitato una luvione propetamente una chiena di ciume ca sembre e' stato accussi' la primaqua ca chiove a ottombre e subbito erano incomingiate certi lamienti condicente Ci avete lassati sulo correti presto muovetevi. Cucchì ce lanno?

Pombieri e viggile orbano si songo fatti umazzo tanto e nun potenoì a tute le parte si dovesse abbiare con calma doppo ca siè saputo chi stace più grave.

Ma al mio penziere il primo fatore principale avessa esse ca ognuno si smaneca e abbia a fatiare per appulizzare casa soia eppò il marcia appiede nanzi casa soia eppò la cunetta o la fugnatura ca stace nanzi accasa soia.

Se si facesse accussì la cità si metesse in modo subbito e le Forze del Ordine si putessero ò cupare dele cose più grave coma chillu povero Minicozzi ca teneva milione di sementa di grano camò ce pote fane sulamente le teste per il sepolcro a Pasqua.

Si putesse cunoscere la sessore ci dicesse ca ali stessa maniera si dovesse fare pè araquare i giardinetti e le fioriere al Corso Calibbardo meglio angora facesse una legge condicente a certe femene pittate ca nun poteno fare ammeno del cano di razza e songo tute contente cuanno il cano di razza caca mieza avia oppuramente al marcia appiede. Per nun parlare di certi strunzi ca vanno girenno cuma a cani muorti aspettando ca il cano facesse il bisognino. Ma chisti songo i mariti essi sape ca il marito è lome chiu strunzo ca ci stace sula facia dela terra.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."