01/03/2016

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

al mio penziere la mia cara Italia savessa sceta'. Noi non potiamo perde tiempo appriesso ale zarzuele di come si face nu figlio perchene a chesto ci penza la natura e' come si uno vulesse cumannà cuanno adda chiove e cuanno addascì lu sole ma siamo veramente redutti a questo livelo? Abbicci la tili visiona e sienti ca quillo bellu giovine pugliese ave diventato patre perchene una donna cera fatto nu figlio appositamente pe isso. Ma puro la smorfia del giuoco allotto dice ca lu patre dele criature face numero vindinove. Il patre pote esse uno ca si accatta una criatura addove sia il vindinove co il numero sei ce lerano mettuti altri soggetto?

Ecco perchene non si capisce mango ala mia cara Italia si sape come saddafà una uerra.

Io mò dico attè e rispunnimi simi sbaglio. La mia cara Italia ave sembre avuto il comando in Libbia. Nun saccio chi avette la felice idea di cacciare il popolo Taliano ca ala Libbia lera fatta sviluppata e moderna e puro allora il governa Taliano se ne iette cutulo cutulo mentre ci abbastava di mantare la squatra navale a bombardare Tripoli bel suo damore e nun sarria succieso chiu niente.

Per quelo ca ci capisco io oggi la mia cara Italia nun tene scambio addafà una guerra a lambo e sadda ripiglià la Libbia sinò sela pigliano chili strafazzei dei Frangesi ca sembre noi abiamo stato nemici dela Frangia e visto di malochio la perfita Albiona.

La mia cara Italia savessa addeventare à leato di Issaelo, dela Merica e dela Russia perchene songo queste le nazzione ca contano e dobiamo abandonare quei giricavallo ca il prisidento Renzo vace perdenno tiempo a baci e abbracci come si fosse nu cazzo miezo ale fave.

Si tenesse letà adderitura io facesse un partito ca la mia cara Italia senadda ascì dala Europa ca ciave fatto perde tante uerre e ci dobiamo spostare tuti in Libbia e costruire tante base navale e cambio di aviazzione, carri armadi e mitragliatrice e le vennessimo a tuto il mondo perchene mò è asciuto unaltra litania ca non si deve produce armi di fuoco.

Si ce pienzi nu poco la mia cara Italia spostata in Libbia pote addeventare la più grande potenza de Lafrica e putessimo venne puro li criaturi perchene anche il citatino Taliano sbarcato a Tripoli ritrovasse la forza e la potenza di cuanno ce steva Isso il Duce Musellino ca una ne posava e nata ne pigliava.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."