23/03/2016

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

stace venenno Pascua e amme' mi vene una malingunia perchene la mia cara Italia nula riconosco chiu.

In questi giorni di quaresema una vota nele famiglie ce steva la aunione e tuti ansieme si iettava usango affatià ma nisciuno si lamentava e la mamma doppo ca era cauzato le criature faceva u lietto e ieva alu puzzo a enchie la langella daqua eppò ce turnava perchene era enchie puro la conca e  nunnè ca sassettava none abbiava nata litania. Mentre ca meteva accoce i fasuli inta lu pignatiello arrecapeto dele frasche di aulivo into lu fucone pigliava la fazzatora e ci metteva dinto farina, tante uove e nanticchia daqua alimmaniera che essa abbiava ammassà doppo ca si era smanecata perchene la pasta si ammassa non sulamente cole dete ma propetamente col puzo dela mana ca ssaria chela parte ca attacca la mana al braccio.

E cuanno era fenuta di impastare nun sassettava ma pigliava i canistrielli e ce meteva la pasta impastata a cresce. E cuanno era ora pigliava lu canestriello a abbiava affare dele trezze longhe capò si tagliava e si arraugliava il tarallo.

La quale si faceva coce nelaqua bollente e si levava e si meteva a sciugare e a quel punto si tagliava una ferita di coltello accussicchè cuanno il tarallo sinfurnava asceva bello e sfullarato con unantacca aperta.

E chesto era niente perchene po' serafà u puccellato e il torteno e tuto era stipato fià cuanno a miezi iuorno di sabbato santo sascioglievano le cambane e alora si puteva abbiare à saggiare tuto chesto ben Diddio.

La dumeneca di Pascua asceva la pizza doce cola crema di uove e la crema di ciccolata essi magnava le tagliarelle. E chi lera fatte le tagliarelle? Sembre mamma ennò cumammò ca la donna è sembre sdanca e nun cene tene di fatiare tantè ca le tagliarelle si vaceno a cattare al suprammercato ma che Pascua è si mango si face chiu onore ala mamma ca era iettato usango peffà felice ala famiglia.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di fa miglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."