18/05/2016

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante_rs.jpg

Carissimo cainate,

vulesse scrivere una lettera a certi strunzi ca si anno fissato ca la femena e' uguale a lome. Ma cuanno mai?

Lassamo sta' la razza umana ca sulamente si ti uardi attuorno ti addoni ca la femena si pitta essi mete i tacchi e si succede ca puro qualche masculo si pitta essi mete i tacchi dipende dala richioneria conseguenzia stretta del putanesimo dele donne.

Ma uardiamo ala natura coma lave fatta il Pata Terno.

Piglia nu allinaro ti pare ca le galline sono tale e quale al gallo? Lassiamo stare ca le galline faceno luovo ma il gallo è chiu grando e tene una cresta rossa peffà capisce a chi cumanna inta lu allinaro. Ci abbasta di uardare al cavallo e alla iummenta, oppuramente al leone e ala femena del leone ma ti pare ca il Pata Terno pazziava cuanno decideva questa diferenzia?

Tuti li eseri vivente dela terra songo masculi e femene ma il masculo è chiu bello e chiu gruosso.

Piglia lesembio del pavone addove la femena è poco chiu di una gallinella mentre isso il pavone masculo è propetamente uno re. Tene una coda ca nun fenisce mai e cuanno singrifa ca si vole fotere ala paonessa si allarga e caccia mille colori ca ti face incandare. La rota del pavone la facesse la femena siè cazza.

E accussì propetamente voleti metere la vacca apparacone co il toro. E torniamo al solito discorso. La differenzia siè ca uno tene nu coso e lautra tene una cosa ca messo ansieme fanno la natura ca è stata creata peffà cresce lu manità.

Ogni vota ca ce stace uno strifico senza natura nunnè cosa bona pè lumanità. Si vuliti capisce è bene e si nulu vuliti capisce vi futtiti.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tudi di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."