01/06/2016

La Biblioteca Carlotta Nobile è una bella realtà

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_1.jpg

“Noi siamo una famiglia che ha imparato da una figlia. Lo dico con grandissimo orgoglio perché Carlotta ci ha lasciato un esempio importante, e in ogni giovane che vediamo vivere intensamente la propria vita o raggiungere un successo noi ritroviamo la nostra Carlotta”, queste le parole di una mamma, Adelina Lepore, che - circondata dagli affetti più cari - ha aperto le porte alla stampa e, con la signorilità che la contraddistingue, ha fatto conoscere la Biblioteca Carlotta Nobile, sorta nella “capitale del Sannio” #AiPiediDelCastello, presso la sede del Centro Studi a lei dedicato.

Oltre duemila volumi - suddivisi in arte, musica e letteratura - tra cui alcuni di pregio o introvabili altrove.

“In questi libri c’è la sua storia - ha spiegato la prof.ssa Lepore - c’è la sua vitalità e la sua cultura, ma ci sono anche il suo impegno e la sua disciplina. Ci sono, poi, tutti i suoi scritti. In ogni testo c’è una sottolineatura, ci sono bigliettini, insomma, abbiamo cercato di lasciare intatta la sua storia e ci auguriamo che questa biblioteca possa essere di aiuto per qualcun altro e possa vivere e raccogliere le energie di tanta gioventù, per noi è davvero la cosa più importante. Stiamo, inoltre, procedendo all’inventario ed in seguito metteremo in rete tutto il catalogo per poterlo offrire ad una platea più vasta”.

Una biblioteca privata che rappresenta una sorta di continuum di quella che è stata la vita di Carlotta, strappata dalla vita terrena all’età di 24 anni a causa di un terribile melanoma.

Uno spazio culturale - suddiviso in quattro ambienti disposti su due livelli - che emana il calore della vita, risplende di luce come l’aurora del mattino ed ha in sé la tenerezza di una casa delle bambole.

Tra gli arredi bianchi e blu risaltano con squisita delicatezza tante fotografie di Carlotta, stupendi fiori e farfalle di vari materiali e dimensioni, che troviamo sia nel quadro donato alla famiglia Nobile dal Maestro Antonio Del Donno (da cui è tratto il logo dell’associazione), sia morbidamente adagiate tra i libri e il mobilio.

“La farfalla - ha raccontato mamma Adelina - è un simbolo che si è inserito con prepotenza nella storia di Carlotta”.

La talentuosa violinista scriveva, infatti, nel 2012: “Il cancro recide le nostre radici, ma quei tagli sono i punti di innesto delle nostre ali”.

Ad arricchire lo spazio di Piazza Castello anche una piccola mostra di raffinate opere d’arte a lei dedicate, frutto del generoso gesto di artisti che - pur non avendola in qualche caso mai conosciuta - hanno deciso di “raccontarla” dal loro punto di vista.

La mostra “...Oltre. L' Arte per Carlotta” diverrà permanente e, come ci ha detto Adelina Lepore, “si potrà ampliare e potrà anche essere portata fuori su richiesta. Questa mostra - ha chiosato - è una collezione spontanea che si è creata quasi magicamente. Ogni opera è frutto di una relazione assolutamente individuale di un'artista con Carlotta o con la sua storia”.

In esposizione il lavoro scultoreo di Antonella Boscarini, i quadri di Pietro Coletta, Giuseppe Cosenza, Antonio Del Donno, Giuseppe Leone, Cesare Pigliacelli, la fotografia di Carlotta Zoella Nobile e la musica dei compositori Silvia Colasanti, Claudio Gabriele, Pietro Picchi e Gianluca Podio, autori del “Viaggio di Carlotta” (azione semiscenica su testi della Nobile ideata da Sandro Cappelletto e Gabriele Bonolis e prodotta dal Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento).

Molto bello altresì il catalogo della mostra, il cui testo introduttivo è stato curato da due storiche dell’arte, due amiche di Carlotta conosciute a Roma nel 2011 durante il Luiss Master of Art e giunte a Benevento in occasione dell’inaugurazione della biblioteca: si tratta di Pia Lauro, napoletana di nascita, ma romana d’adozione, in quanto lavora presso la galleria di arte contemporanea “Studio Stefania Miscetti”, e di Emanuela Pigliacelli (di Frosinone) che invece fa parte dello staff della “Fondazione Pastificio Cerere” di Roma.

Il catalogo della mostra partecipa al progetto “Carlotta Nobile per l'Aism” e viene distribuito gratuitamente a coloro che lo desiderano, offrendo in tal modo a ciascuno l’occasione per “un contributo libero e consapevole” all’Associazione Aism di Benevento. Questo nel naturale proseguimento di una particolare vicinanza di Carlotta all’Aism, con cui ha collaborato volontariamente attraverso la sua attività artistica e musicale.

La biblioteca sarà sempre aperta agli studiosi - su appuntamento - il martedì ed il giovedì pomeriggio, dalle ore 17,00 alle ore 19,00.

Per info: sito internet: www.associazionecentrostudicarlottanobile.org - posta elettronica: info@associazionecentrostudicarlottanobile.org - pagina facebook: Associazione Centro Studi Carlotta Nobile.

Ricordiamo infine che fino al prossimo settembre è possibile concorrere al “Premio Carlotta Nobile”, organizzato in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma, consistente in una borsa di studio di 5.000 euro per la migliore tesi di Laurea Magistrale nell’ambito dell’esplorazione dei rapporti Arte/Musica su cui si è concentrata particolarmente la sua attenzione di studiosa e che le è valsa l'intitolazione a suo nome di un’Aula nel Dipartimento di Storia dell’Arte e dello Spettacolo della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma.

ANNAMARIA GANGALE

annamariagangale@hotmail.it

Foto di Antonio Caporaso - www.antoniocaporaso.it

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_2.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_3.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_4.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_5.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_6.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_7.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_8.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_9.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_10.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_11.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_12.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_13.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_14.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_15.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_16.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_17.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_18.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_19.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_20.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_21.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_22.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_23.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_24.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_25.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_26.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_27.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_28.jpghttp://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/biblionobile_29.jpg

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Cultura & Spettacolo"