14/05/2011

Tibaldi: si recuperi l'identità lavorativa di Benevento per rilanciare la sua economia

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/TIBALDI TRA LA FOLLA.jpg

Il candidato a sindaco per la coalizione di centrodestra, Raffaele Tibaldi, ha chiuso ieri sera la sua campagna elettorale in Piazza Torre.

Piazza gremita in ogni ordine di posto - si legge nel comunicato diffuso dall'ufficio stampa - per poter assistere alle battute finali di questa lunga campagna elettorale, targata anno 2011, che ha visto il candidato Tibaldi, girare in lungo ed in largo, per le strade, le piazze e le contrade della città di Benevento, stringendo mani e donando sorrisi alla tanta gente che gli ha dimostrato stima, affetto e sostegno morale. In una splendida cornice scenografica, il candidato Tibaldi, è salito sicuro e felicemente soddisfatto sul palco, attorniato da tutta la deputazione del Pdl sannita. Egli, iniziando a parlare, ha disquisito dapprima sulla grave situazione di disagio politico-sociale-economico vissuta dalla città di Benevento negli ultimi 30 anni e poi, non ha mancato di proferir qualche commento sui suoi avversari politici e su chi: “Ha ridotto la nostra amata città ad avere un gravissimo buco nel bilancio delle sue entrate; costretta ad aver subito tantissimi sprechi economici; aver perso diverse occasioni oltre ad essere testimone infelice e silente di un profondo decadimento che si è poi esteso a tutti i livelli”. A seguire, ha elencato il suo lungo programma elettorale con i diversi punti programmatici di cui esso è composto, inerenti: il ruolo della città; istituzioni e servizi; ambiente e territorio; la cultura; sviluppo economico e lavoro ecc… Egli, ha poi fatto riferimento al fatto che la casa comunale deve apportare con sé un’amministrazione visibile, onesta, leale e trasparente che sia sempre al servizio dei cittadini. “Il Comune - ha asserito Tibaldi - deve operare nel solo interesse dei cittadini e deve esser presente sia nel centro della città, nella sua parte più antica, che in periferia”. In seguito, interrotto più volte dagli applausi del pubblico, il Tibaldi, ha illustrato le tante iniziative che egli vorrebbe realizzare per il benessere ed il recupero della città di Benevento tra le quali spiccano: un nuovo rilancio della Villa Comunale; restauro, salvaguardia e tutela del Teatro Romano; valorizzazione dei nostri beni culturali; risanamento dei fiumi ecc… Ed ancora, con una particolare verve carismatica, ha poi parlato dei vari progetti che ha in mente di concretizzare per porre freno alla dura piaga della disoccupazione: “Che sta dilagando sempre più nella nostra città di Benevento. Per fare tutto ciò, come prima cosa, serve una concreta idea di sistema che possa coinvolgere imprese, istituzioni e tutto il territorio sannita, affinché si recuperi al più presto l’identità lavorativa del nostro capoluogo e si possa finalmente rilanciare la sua economia”. Al contempo, il Tibaldi, ha anche ribadito la sua ferma volontà di mettere in opera tutte quelle iniziative che possano concorrere a fermare il degrado costituito dalla sempre più pressante fuga dei ragazzi beneventani alla volta di altre città in cerca di occupazione, lavoro o scuole più specializzate. Infine, ricordando che il 2011 è l’anno in cui si celebra il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, cosi è espresso: “Benevento ed i suoi elettori, hanno il compito di preoccuparsi ed avere a cuore il benessere della propria città che è una Patria offesa da troppi! Una città orgogliosa che ha dovuto sopportare troppi insulti! Ora tocca a noi restituire alla nostra amata città ed ai nostri figli quello che ci è stato tolto: il nostro presente! Io lo voglio e lo voglio insieme a voi!!! E finalmente: adesso possiamo!!!!!”.

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Affissioni elettorali 2011"