13/06/2016

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante1_rs.jpg

Carissimo cainate,

tuta questa accisaglia di femene ca la tili visiona ne parla a ogni momento amme' mi pare ca nun pote esse diversa mente. Camo' ti spieco.

Cuanno io dico putanesimo dele donne voglio dice propetamente chesto ca la donna si è scatenata e nunnave capito ca il masculo nunnè cazzo di starci ala paro. Si sape ca il masculo nunnè fatto coma ala femena sinò nun ce stesse il probblemo.

Tuttedui penzano a chella cosallà la ducazzione nunnè spartuta tra il patro e la matra, face tutto la matra ca nunnè chiu quela di una volta. Al tempo di papanonno la matra era la custoda dela virtù e il patro assendo masculo ca era fatto il sordato e puro la uerra sapeva tute le cose del mondo. Allora cuanno il figlio masculo cresceva il patro ci faceva fare tute le esperienzie. Nunnè comammò ca ci accatta la machina e si crede ca è fatto. None il patro in perzona pigliava il figlio giovine e lo purtava al casino perchene cera parlato prima cola madama ca ci bisognava fare un corso di ducazzione co tuti li espertimente.

Succedeva alora ca cuanno si faceva il fidanzamento era lome ca ne sapeva de chiu e spiecava ala racazza ca faceva puro finta di scoprire si puro ce lera ditto la matra e chesto ci faceva piacere al masculo.

Da cuanno è stato chiuso il casino nun ce stace chiu la scola per i masculi. E' succieso pò ca le femene sera fata la rivoluzzione e vanno girenno meza annure e inta la tili visione si vede cose delaltro monte e alora il masculo si trova in minoranza. Nun ciabbasta ala femana di cumannare e di stuzicare alome ricapita di sentere la umilazione e chesto si sente di fotere. La femena muderna nun addimanna si ti dispiace ca io ti lasso, chela si mette co laltro e certe vote resta puro cuttè e telo sbatte in faccia.

Lome ca è stato educato dala matra a esse geloso dela mugliera nun tene chiu lo sfoco e esce paccio tantè ca certe vote accide ala femena eppò si accide puro dasè.

Nunnè na pazziella amme mi pare una tracedia la quale la femena ciavvessa penzare nu poco. Perchene è la femena ca vace in giro meza annura e è la femena ca manna in giro le figlie angora chiu annure.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."