08/09/2016

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante4_rs.jpg

Carissimo cainate,

propetamente cuma cuanno da nui ca funghette il vintuno dausto è succieso il tarramoto camo' nunnè chiu sembre listesso.

Coma si fosse una nuvità o una cosa mai vista esceno inta la tili visione certe uagliottole condicente ca la terra trema e le case scarrupano. Adderitura scerrupeno le case di preta aizate col sudore dela fronte perchene la caucia sera sfarinata e il suppigno sera sfunnato perchene le trave serano scurdati di darci una mano di olio di sementa elino.

Eppò erano caduti puro certi muri ca serano tirati la mano cuanno cera dibbisogno di una vranga di cemente eppò le vianove ca si spacca la sfalda e la cunetta senera franata. E checcazzo centra il tarramoto in tuto guesto?

Il tarramoto è una cosa naturale. Quelo ca nonnavesse succede songo i strunzi ca si pigliano una laura o certati strunzi ca scagneno la bravura cola derittezza laquale si mittono affare imprenditori ca loro sela fanno coli asessori e ci guadambiano ma cuanno faceno la figura dimmerda di case scarrupate ci danno colpa al tarramoto.

Al mio penziere bene facesse il prisidenti Mattarello a starsene ala casa soia a Roma perchene certa gente pur di ascire inta ala tili visiona vicino al prisidento dela Ripublica caè cuma si fosse Lurrè sarria cazza di face succede disgrazzie e traggedie una vota ala sittimana.

Nunnè il tarramoto ca ave fatto treciento muorti ma propetamente chesta sfrenatezza di gente ca addascì inta ala tili visiona mentre il suo posto chiu adatto sarria quelo di antare a zappare la terra.

Capò co il tarramoto ci vaceno buono sia quelo ca venne le casce di muorto e sia quelo ca venne le casarelle di lignamo e sia quelo capò si mete affare le case di matoni e cemento. Fià al prossimo tarramoto ca cheste scarrupano e si costruisce quele nuove.

Male acchi more ca chi resta sarrangia.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."