18/01/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante2017_rs.jpg

Carissimo cainate,

appena era asciuto dalo Spitale il prisidento Gentiluomo nunnè ghiuto mango ala casa ma si era precipitato diretamente al palazzo Grigio addove lo steva aspetanno già da prima matina i ministri cole carte già pronte ca isso ci doveva solo metere uno scippo. E accussì funghette.

Fatte le carte tuti a dicere Ma caro prisidento perchene non ve ne iati ala casa e stati cautelato ca con questa neve ci potete pigliare una ricaduta e isso tuto soridente

Ma non vi preocupati ca io stongo bene e da questa seggia non intendo lontanarmi perchene sisà come vanno certe cose per una vota me la siete stipata ma ala prossima sicuramente qualcuno di voi se le vole fotere.

Ma none signor prisidento come siete malepenzante ma cuanno mai ognuno di noi penza ca un domani ci piacesse di fare il prisidento ma noi non abiamo fretta sipò voi ci tenete a unaltra carica alora noi ci faciamo scannare ma annoi adda ricapitare.

E accussì il prisidento Gentiluomo facette quela risella condicente Io vero già capiti ca sieti una maniata estrunzi ca mango vi sieti letto quelo ca avete scritto.

Stammatina io agio firmato una legge condicente ca si dui uomeni richioni per motivo di necessità chessò una forta cacarella si trovano inta una rioprana sulo Oceano poteno fare una domanda al comandante condicente Noi voliamo esse marito e moglie.

E si il cumandante perde tiempo succede ca il rioprana adda atterrà e il cumandante non tene tiempo e alora isso ci dà una benedizzione ai dui uomeni richioni e chesto addeventa un matrimonio uomo sessuale da avalere in tuto il mondo.

Vulesse vedè si il sinneco Mastello un domani fosse cazzo di scrive nel registro del Municipio di Benevento un matrimonio scritto inta a una rioprana ca steva cadenno si il cumandante nun metteva una firma.

Ma questa legge è una legge di religgione catolica? Lo vulesse sapè perchene mi devo recolare una cosa ca songo cazzi miei.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L’EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."