01/02/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/emigrante2017rs_1.jpg

Carissimo cainate,

il cabbolario della lingua taliana è nu libbro inutile perchene ogni popolazione tene la sua parlata co' tute le recole dela gramateca.

Vulesse sapè chi è stato ca ave deciso ca si bisogna parlare toscano capò nunnè la stessa cosa a Firenze o a Siena o piglia Prato camò si parla adderitura cinese.

Sai cume si dice ucazzo nela Toscana? Embè telo dico io loro diceno la fava. Ai capito buono una cosa ca è propetamente una cosa maschile addeventa una cosa feminile e si nunnè chesto una motivazzione della confusione dela richioneria poco ci manga.

Inta ala scola addove si face ducazzione sessuale ale criature ci imbarano addire il pisello e pirciò i toscani songo tutti prusuntuosi perchene penzano ca loro cola fava ce lo tengono chiu gruosso e a tutti laltri ci attoccasse nu cusariello coma il pisello.

Ma peggio angora succede si vai in Sicilia addove si parla una lingua tuta nova ca pare una musica ma addove si capota il bardacchino e adderitura chelo ca tene la femana si chiama coma si fosse una cosa maschile issi diceno usticchiu mendre mieze eccosse di unome ce stesse una cosa chiamata aminghia.

Tu penza si il giovene toscano vace in vaganza ala Sicilia e ci ricapita di sdendersi al sole affiango di una uagliottola siciliana e ci dicesse sienti che bella fava ca tengo per tene sicuramente si sentesse di risponnere dala uagliottola E chesta la dai a frateto. E puramente si la uagliottola fosse un poco sboccata di vocca e arrapata dal sole cocente ci confessasse alu strunzo toscano  Sapissi come mi foca lu sticchio tu pienzi ca il tuscano ave capito nucazzo?

Inzomma io penzo ca prima di abbiare la ducazzione sessuale inta la scola prima si dovesse decide si certe cose le poteno insegnare le maestre femene e sicondo si dovesse stabbilire quelo caè maschile e quelo caè feminile. E si nun cè accordo si facesse un referendo obbligatorio condicente ca le femene anno ruttucazzo e certe cose non poteno chiamarsi feminile perchene è propetamente la natura ca nun si scherza.

Col quale ti saluto atti stringo in forte braccio avvoi tuti di famialia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."