16/02/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/valigiaemigrante.jpg

Carissimo cainate,

mi sento di fotere coma una bestia cuanno aggio saputo ca la Germania ca sembre siamo stati a leati inbace e inguerra si era permisso di dare uno schiaffo amorale ala cara Italia perchene dice ca il pulizziotto ca cera levato amiezo un tirroristo teneva il ritratto del duce. Chesta è una ofesa al popolo Taliano ca in nome del duce era combattuto uerre in tuto il mondo riportando trionfi quale limbero e la Libbia e la Bissinia per non parlare dela Alba Nia callà ci andiede facile.

Il sordato taliano co il sordato tetesco ci abiamo spartuto usuonno e tu prisidenta Merke vai ascenno piettene tridici. Ai abbrecazzione ca oggi ci stace un governo debbole ma mi immaggino si ce stesse angora Isso il Duce Musellino al palazzo di Venezia avesse già mannato ai confini il reggio esercito per un presenta tarma cui cazzi.

Io mimmaggino la scena al passo del Brennero ca già una vota Isso dicette al combagno Ittelere Accà nun si passa e Ittelere facette dietromarcio. Mentre una tembesta di neve costringe il glorioso sordato tetesco a restare inta alu barro il fiero sordato taliano sene fotte del maletiempo e stace impavito mentre dala destra saglieno lalpini appasso cadenzato cola musica dananti ala sinistra piume alvento arivano i berzaglieri.

E verso lora di pranzo cola camionetta a torzo nuto arriva Isso il duce e ordina Songo orgoglioso di voi sordato Taliano che ci avete fato vetere al aleato Tetesco ca noi abiamo palle assuficienza combrese quele di cannone. E tornato a Roma era sagliuto al balcone di piazza di Venezia e cera ditto al popolo Taliano due punti Voi sieti la forza ca midà coraggio e oggi abiamo dato una lezione ala Germania.

Io per la verità di questa scena nunnaggio capito perchene nunnanno approfitato ca i sordati teteschi stevano inta alu barro e nunnerano asciuti afora mango per un saluto militare. Mi pare una grava manganza di cortesia ma accussì mi rendo conto ca savesserafà sembre uerre.

E alora tenimoci le ofese di una Germania laquale è ghiuta affenire immano a una femena ca la mia cara Italia acchesto non angora sè redutta.

Col quale ti saluto atti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."