06/05/2017

Sicurezza stradale... si parte dagli pneumatici

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/peritiassicurativi.jpg

Fiducia, competenza ed onestà sono le qualità che contraddistinguono l’attività del perito assicurativo, un professionista che le lobby delle Assicurazioni continuano a vedere come… il fumo negli occhi, in particolare se in ballo ci sono danni di un certo peso come le lesioni fisiche o la dipartita di una persona cara. Il consulente d’infortunistica stradale è infatti l'intermediario tra l'infortunato e l'assicurazione, al fine di velocizzare il risarcimento del danno. A lui sempre più spesso si ricorre dopo un incidente stradale, alla guida di un’auto o una moto, per affrontare con le dovute conoscenze e competenze il complesso iter burocratico che s’innesca in particolare dopo un incidente grave.

L’associazione che li raggruppa, l’Aicis, anche in provincia di Benevento è attivamente impegnata in un costante lavoro di tutela e formazione del perito assicurativo (chiamato anche “Esperto d'automobile”), il quale pratica la sua attività in totale indipendenza, aggiornandosi continuamente sull’evoluzione della tecnica e sulla sua applicabilità per il miglioramento della sicurezza stradale e la riduzione del numero delle vittime. A lui è riservata, per legge, ogni attività di accertamento e stima dei danni.

Lo scorso 27 aprile, presso Una Hotel il Molino di Benevento, il vice presidente regionale, il sannita Felice Pastore, si è reso promotore di un seminario tecnico sul tema Pneumatici ed assetto ruote a cui hanno preso parte periti e consulenti provenienti dalle diverse province campane. “I pneumatici - è stato più volte sottolineato durante i lavori - sono l'elemento più importante per la nostra sicurezza stradale e pertanto non devono mai essere sottovalutati”. 

Durante i lavori, il presidente regionale Massimiliano Canellini e il suo vice hanno consegnato una targa a Maria Rosaria Vitiello, referente della provincia di Salerno, per il suo impegno nel divulgare la sicurezza sulle strade soprattutto ai giovani: “Ciò che più conta per ridurre il numero degli incidenti stradali è un corretto comportamento. La distrazione alla guida - per l’uso dello smartphone o per inviare messaggi, per chattare o guardare foto - è una delle prime cause d’incidente automobilistico”.

GIUSEPPE CHIUSOLO

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Varie"