06/05/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/valigiaconlospago_2.jpg

Carissimo cainate,

erano abbiat i uagliuni masculi ca si strazzavano i ginsi peffà vedere ca vicino ala gamba ci crescevano i pili. Mo' è asciuta la moda dele uagliottole femene laquale senza sparagno ci foca e annafà vedere tuta la carna che stace stretta inta ai ginsi e non ci abbastava cola panza dafora se ne stanno ascenno cu certi cauzuni tuti sfrangiati ca di pezza non cenè rimasta niente essi vede sulo carna ianca perchene nun angora erano iute al mare ca ti facesse sapere a settembre con quale missa tornano dopo che si ànno spase al sole cola crema bronzante e la vasellina mieze eppacche.

Al mio penziere è inutile ca io mi ripete il fatore pringipale è il putanesimo dele donne prima dele mamme eppò dele figlie. Ma si pote antare ala scola meze annure senza ca misciuno dice niente? Puro chesto però è segno dei tempi ingui nun ce staceno chiu presiti ma dirigente scolastico capò songo tute femene e cò quale turità poteno dice ale studentesse ca ala scola si vace accorpo coperto si pure le figlie loro vaceno girenno meze annure?

Nun ti dico pò come le mamme erano educato ai figli masculi basta vedere certi cauzuni ca teneno il cavallo sciso chiu abbascio dele denocchie mò ca era passata la moda dei cauzuni cola vita vascia ca si doveva vedere la marca dele mutante camò si chioma slippi.

Tuta questa ammesca frangesca è una conseguenzia dela richioneria generale a comingiare dala pulitica di cui nun saddafà chiu diferenzia tra cumunisti e fascisti e mango tra masculi e femene tantè ca ai nostri tempi abiamo aspetato ca ci crescevano i pili peffà colpo sule racazze e puro la donna col pilo ave fatto furtuna dal tempo di Adamo e Eva e adesso i masculi nun teneno chiù pili anzi vaceno dal barbiero e si faceno fare una barba integrale eppò si chiudeno nello sgabbuzzino ca si abbiccia una lampadina è esceno tuti bronzati.

E nun si addonano i strunzi ca la femena ave già capito tutto e al giovane taliano arredutto a richione preferisce il racazzo necro ca ne stanno a murire e chi sà si un giorno non celo metono ingulo a tuti guanti.

Mi dispiace tanto per la mia cara Italia ma al mio penziere la vedo nera.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."