06/05/2017

Son tutte belle le mamme del mondo...

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/cuoremamma.jpg

La mamma è come il jolly nelle carte francesi: acquista il valore che serve in quel momento. E’ sempre presente e aiuta a risolvere ogni situazione, sempre e comunque.

Noi donne viviamo diverse fasi della vita. Cominciamo da piccole ad essere figlie. Sempre attaccate alla gonna della mamma, forse è la prima parola che pronunciamo balbettando, cerchiamo di imitarla in tutte le sue mansioni. Tant’è che i  nostri giocattoli sono la riproduzione di ciò che faremo da grandi: le pentoline, la minicucina, la macchina per cucire, le bambole e i bambolotti.

Sono il nostro modello. Chi di noi non ha messo le sue scarpe col tacco e la sua collana di perle. Ricordo che il gioco preferito era quello delle signore.

Poi crescendo si allenta questo rapporto e vogliamo dimostrare d’essere grandi e autonome. Le prime cotte, le prime delusioni. Poi ci si sposa e si esce dalla casa dei genitori, per sempre. Finisce una fase della vita e ne incomincia un’altra.

Diventiamo contemporaneamente figlie di una grande madre e madri a nostra volta. Si  matura, si cambia. Si diventa responsabili e si capiscono tante cose che solo da figlie non si capivano. Il cuore che batte quando un figlio va a fare l’esame all’università, la paura che attanaglia l’anima fino a quando non rientra di notte a casa. E intanto, come recitava una vecchia canzone: “gli anni passano, i figli crescono, le mamme imbiancano, ma non sfiorirà la loro beltà”.

Purtroppo arriva il momento in cui si perde la mamma ed è un pezzo di cuore che se ne va. Essere solo mamma e non più figlia è un trauma. Ci si sente più vecchie e con grosse responsabilità. E solo con la morte si spezza il cordone ombelicale. Sono i figli che ci continuano a far vivere. Se ridiamo, piangiamo, soffriamo lo dobbiamo a loro. Ed anche il cordone con i figli si strappa con la nostra scomparsa.

Auguri a tutte le mamme del mondo.

A quelle che non ci sono più e vegliano su di noi.  Auguri a te, mamma.

A quelle che combattono ogni giorno con le varie difficoltà che la vita presenta. Auguri alle madri-coraggio, che sono sempre pronte a sorridere e a stare accanto ai figli diversamente abili o malati.

Auguri anche alle future mamme con l’auspicio di essere sempre un modello per i loro figli.

“Son tutte belle le mamme del mondo quando un bambino si stringono al cuor: sembra l’immagine d’una Madonna, sono l’immagine della bontà”.

ELISA FIENGO

lisafiengo@gmail.com

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "La voce di Elisa"