15/05/2017

Benevento Calcio: bisogna vincere a Pisa per mettersi al sicuro

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/bncalciosuverde_2.jpg

Alle 16.50 di sabato scorso, la diciannovesima rete stagionale di Fabio Ceravolo ha stravolto il torneo di Serie B.

Infatti, la splendida ed importantissima vittoria del Benevento sul Frosinone ha praticamente riaperto tutti i giochi, regalando, poi, alla Spal, pur sconfitta a Terni, l’aritmetica promozione in Serie A, dopo oltre 40 anni di assenza dalla massima serie. Ora la Spal deve solo conoscere i nomi delle altre due “sorelle” che la seguiranno nella massima serie.

Ma, anche grazie al successo del Cittadella nel derby con il Vicenza, si può dire che i play off sono ora virtualmente vivi. Nel senso che se prima della 41esima giornata (quella di sabato scorso, tanto per intenderci) il distacco tra la terza e la quarta in classifica era di dieci punti, superiore ai nove previsti dal regolamento, quindi  Spal, Verona e Frosinone erano virtualmente promosse in Serie A senza disputare i play off, oggi, quando manca soltanto l’ultima giornata da disputare (quella di giovedì 18 alle 20.30, orario unico per tutti), la terza, il Frosinone, è rimasta ferma a quota 71, mentre la quarta, il Cittadella, è salito a 63 punti, ad otto lunghezze di distacco, riaccendendo la speranza play off in tante altre squadre, dal Perugia al Benevento a quota 62, al Carpi, settimo a 59, ma anche allo Spezia che, proprio alla rete di Ceravolo, pur con il rigore fallito in pieno recupero da Granosche, è ora a 14 (e non più 15) punti dai ciociari e, dunque, anche i liguri sono tornati virtualmente in corsa in zona play off.

C’è da ricordare, infatti, che il regolamento prevede l’ammissione ai play off a tutte le squadre (massimo 6) che concludono il torneo normale al massimo entro 14 punti di distacco dalla terza.

A questo punto partono tutti i calcoli in vista dell’ultimo, appassionante, turno che si giocherà giovedì sera, con tutte le undici partite in contemporanea, alle 20.30.

Come si sa il Benevento di Baroni sarà di scena a Pisa, contro l’undici di Gattuso, già matematicamente retrocesso in Lega Pro, insieme a Latina e Vicenza, ma che anche nell’ultima gara disputata a La Spezia ha continuato ad evidenziare l’incredibile forza difensiva con soli 33 gol subiti (migliore difesa del torneo) in 41 partite.

I giallorossi sono avvisati perché dovranno vincere sotto la Torre Pendente per essere sicuri di disputare i play off. Infatti, i play off  andrebbero in scena qualunque siano i risultati di tutte le altre squadre di alta classifica. Il Verona, secondo a quota 73, sarà di scena a Cesena ed avrà bisogno di un punto per centrare la promozione. Gli scaligeri, a quota 74, potrebbero, infatti, essere affiancati dal Frosinone, se vincente in casa contro la Pro Vercelli, ma il Verona è in vantaggio nel doppio confronto con i ciociari. Il Frosinone per centrare la Serie A diretta deve battere la Pro Vercelli e sperare di riportarsi a +10  sulle inseguitrici, con il Cittadella ko a Chiavari e Perugia e Benevento senza successi rispettivamente su Salernitana e Pisa.

Eventualità veramente difficile da realizzarsi, ma, comunque, Lucioni e compagni dovranno vincere a Pisa per essere sicuri dei play off. Comunque, anche senza vincere, ma con un pareggio, potrebbero giocare gli spareggi promozione, ma la disputa non dipenderebbe più direttamente dai giallorossi, che dovrebbero sperare che Cittadella e Perugia chiudano l’ultimo match di stagione con lo stesso punteggio del Frosinone, lasciando, dunque, inalterato il distacco tra la terza e le inseguitrici.

Con un successo a Pisa, poi, il Benevento avrebbe anche la possibilità di evitare il primo turno dei play off. Il regolamento prevede, infatti, il primo turno con quinta contro ottava e sesta contro settima in gara unica tra lunedì 22 e martedì 23 maggio, con terza e quarta direttamente in semifinale. Con il successo a Pisa e la contemporanea mancata vittoria di una tra Cittadella e Perugia il Benevento salterebbe il primo turno. I sanniti sono in parità con il Cittadella ( 1-0 e 0-1), ma in difetto con il Perugia (0-0 ed 1-3) per un ipotetico arrivo a tre.

Vediamo cosa dice, punto per punto, il regolamento per i play off:

▪ In caso di classifica avulsa, tutto dipenderà dai punti conseguiti negli scontri diretti; dalla differenza tra reti segnate e subite negli scontri diretti; dalla differenza reti dell’intero campionato; dal maggior numero di reti segnate nell’intero campionato. In caso di parità vi sarà il sorteggio.

▪ La  prima e la seconda classificata salgono direttamente in Serie A, la terza promozione viene definita mediante la disputa di play off che si si disputano se fra la terza e la quarta non ci sono più di nove punti di distanza, e fra le squadre (fino ad un massimo di sei) comprese all’interno di un perimetro di 14 punti dalla terza.

▪ La gara di turno preliminare è di solo andata tra la sesta e la settima e fra la quinta e l’ottava e prevede, in caso di parità dopo i 90’, la disputa dei tempi supplementari. In caso di ulteriore parità non ci saranno i calci di rigore ma supera il turno la squadra meglio classificata.

Semifinali - La terza classificata disputerà una gara di andata e ritorno, quest’ultima in casa, contro la vincente tra la sesta e la settima. Idem tra la quarta e la vincente tra la quinta e l’ottava. In caso di parità di punteggio dopo i 180’ si tiene conto della differenza reti nelle due partite; in caso di ulteriore parità viene considerata vincente la squadra meglio posizionata in classifica al termine del campionato. Solo nel caso in cui le due squadre avessero terminato il campionato con lo stesso punteggio in classifica la gara di ritorno prevede anche i tempi supplementari ed eventualmente i calci di rigore.

Finale - Le vincenti delle semifinali disputano gare di andata e ritorno, quest’ultima in casa della meglio classificata in campionato. In caso di parità di punteggio dopo i 180’ si tiene conto della differenza reti nelle due partite, in caso di ulteriore parità viene considerata vincente la squadra meglio posizionata in classifica al termine del campionato. Solo nel caso in cui le due squadre avessero terminato il campionato con lo stesso punteggio in classifica la gara di ritorno prevede  anche i tempi supplementari ed eventualmente i calci di rigore.

Queste le date per la disputa dei play off:

▪ Turno preliminare in gara unica lunedì 22 maggio alle 20.30 tra la sesta e la settima e martedì 23 maggio ore 20.30 tra la quinta e l’ottava.

▪ Semifinali (andata) venerdì 26 maggio ore 20.30 vincente sesta - settima  contro terza; sabato 27 maggio ore 20.30 vincente quinta - ottava contro quarta.

▪ Semifinali (ritorno) lunedì 29 maggio ore 20,30 terza contro vincente sesta - settima.

▪ Semifinali martedì 30 maggio ore 20.30 quarta contro vincente quinta - ottava.

▪ Finale andata domenica 4 giugno ore 20.30.

▪ Finale ritorno giovedì 8 giugno ore 20.30.

GINO PESCITELLI

 

RISULTATI

CLASSIFICA

PROSSIMO TURNO

Vercelli - Brescia 2-2

Spal 75

Ascoli - Ternana

Cittadella - Vicenza 2-0

Verona 73

Avellino - Latina

Novara - Entella 2-0

Frosinone 71

Brescia - Trapani

Spezia - Pisa 0-0

Cittadella 63

Carpi - Novara

Latina - Perugia 2-2

Perugia 62

Cesena - Verona

Salernitana - Avellino 2-0

Benevento (-1) 62

Frosinone - Vercelli

Benevento - Frosinone 2-1

Carpi 59

Perugia - Salernitana

Ternana - Spal 2-1

Spezia 57

Pisa - Benevento

Verona - Carpi 1-1

Novara 56

Spal - Bari

Trapani - Cesena 1-2

Salernitana 54

Vicenza - Spezia

Bari - Ascoli 0-1

Bari 53

Entella - Cittadella

 

Cesena 52

 

 

Entella 51

 

 

Vercelli 49

 

 

Ascoli 49

 

 

Brescia 47

 

 

Avellino (-3) 46

 

 

Trapani 44

 

 

Ternana 43

 

 

Vicenza 41

 

 

Pisa (-4 ) 34

 

 

Latina (-7) 31

 

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "In primo piano"