08/06/2017

Forza Italia a Montesarchio è come un fantasma

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/montesarchio1_fi.jpg

Le nomine fatte per il coordinamento provinciale di Forza Italia, dimostrano ancora una volta  che la deputazione e la dirigenza provinciale intendono la gestione del partito un fatto personale senza dover dar conto agli attivisti che svolgono un fondamentale ruolo di sostegno, premiando invece, gli opportunismi ed i trasformi di casacca.

Questa è la considerazione che viene espressa da più parti in seguito al rinnovo del Coordinamento provinciale di Forza Italia la cui composizione è stata resa nota attraverso la stampa. Nomine che hanno destato anche perplessità, in modo particolare fra i sostenitori di Forza Italia di Montesarchio, quando hanno appreso che nella rosa dei componenti, è presente anche il vicesindaco Di Somma, che da oltre quattro anni fa parte di una maggioranza consiliare espressione totale del PD, e che lo stesso non ha mai messo in campo iniziative politiche per favorire la crescita del partito sul territorio, né tanto meno ha mai espresso in seno al consiglio comunale, dichiarazioni a nome di Forza Italia, partecipando inoltre a qualche manifestazione di F.I. organizzata a Montesarchio dalla sezione locale, solo quando fra gli intervenuti c’era l’on. De Girolamo.

Tale precisazione non vuole essere una polemica personale nei confronti di chicchessia, ma solo una considerazione politica, che vuole evidenziare come la dirigenza provinciale e la deputazione locale, non svolgono un’azione rivolta alla crescita del partito che venga dal basso, ma una mera distribuzione di incarichi decisa a tavolino, che non hanno alcun peso nel valore politico, in quanto frutto di scelte legate a logiche verticistiche che non trovano più riscontro nei giovani e nell’attuale momento politico.

Se a Montesarchio esiste una sezione di Forza Italia, è solo grazie all’iniziativa di pochi che  hanno sostenuto economicamente l’apertura della stessa, la organizzazione di manifestazioni e costo di manifesti destinati a dare visibilità al partito, mentre altri comodamente senza esporsi costantemente con i cittadini, fanno solo passerelle di riverenza per accreditarsi un’amicizia con finalità i cui risultati hanno portato a incarichi e nomine politiche.

Ancora una volta, l’unica constatazione è la inesistente politica provinciale di Forza Italia, la totale assenza di proposte politiche e la non conoscenza dei reali problemi del territorio che rappresentanti di un partito dovrebbero gestire. Trasporti, disoccupazione giovanile, aziende in difficoltà, commercio e tante altre emergenze che i rappresentanti di Forza Italia non conoscono. Forza Italia dovrebbe offrire soluzioni chiare alle problematiche reali dei cittadini e coinvolgere in modo più diretto le persone.

Invece viene verificato con rammarico che non c’è, come non c’è mai stato in provincia di Benevento, nessun dibattito e democrazia interna, nessun collegamento con i sostenitori e le poche sezioni esistenti sul territorio. Purtroppo, Forza Italia resta ancora legata alle sorti di Berlusconi, e non certo al consenso che la dirigenza provinciale e la deputazione nazionale  riesce ad ottenere con  il suo operato privo di democrazia interna e caratterizzata da uno spiccato senso verticistico, considerando il partito una azienda privata.

LUCIA DE NISI

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Politica"