08/06/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/valigiaconlospago_4.jpg

Carissimo cainate,

inta ala chiesia io ciaggio poco praticato perchene la bizzogaria nun mi piace e io che aggio lavorato ala Germania aggio visto callà la chiesia è una cosa seria e le funzione si fanno co lorgano ennò cole chitarre scurdate e ammè mi pareva ca puro la lingua straniera era coma si fosse la mia cuanno senteva di cantare Tandum ergo e O salutari Stostia e mi comuovo mò al panziere ca puro nu povero strunzo cumammè puteva risponne Ora pronobbis.

Ma lassamo stare la nostalgia ca ci fotte. Vulesse dice ca certe cose la chiesia ce lera imbarate molto bene sia al catechismo ca lo facevano prieveti cueppalle e sia ala predica ca nun sembre accucchiava il Zipatino ma affuria di ripete le parabbole unidea melera fatta.

Inzomma ti vulesse dice. Ma ti pare una cosa bella ca nun tenenno altro di cui penzare dobiamo stare assentere gente ca dice ca nunnè giusto ca Totonno Reina avessa turnà ala casa soia per crepare cò dignità. Tu sai ca io nunnaggio avuto mai la pussibbilità di addeventare maffioso e quindi cu certa gente nunnaggio niente acche sparte. Ma si il giudice ave ditto ca ogni essero umano tene diritto di murire in dignità ammè mi pare una cosa iusta. Ennò songo asciute le sociazione dele vitime dela mafia ca songo come la sociazione dele vitime del cangro addire no quelo adda morine in carcere perchene lergastole è propetamente un modo di crepare inta una cella.

Nun tenenno tiempo da perde appriesso ala tili visiona aggio addimanato al Zipatino dicui mi era spusato tantannifà condicente due punti Ma Totonno Reina ala finazione del mondo risuscita isso puro oppuramente resta chiuso nela cella del carcere taliano ca si sape ca si pote ascire comodamende?

Sai come mave rispuosto chilu figlio di putana: E perchene l'addimanni ammè ca songo nu povero prevete di cambagna e nun ci scrivi una letera al Papa ettelo fai spiecare da isso in perzona?

Ai capito bene perchene è facile addire tuti risorgiamo ecci pare un piacere ca il Pata Terno ci face mapò cuanno sarrà ti truvarrai a tanta gente ca nula vulissi vedè e nun ce stace niente da fare perchene nun ci stace pussibilità di rinungiare ala risurezzione.

Inzomma doppo una vita dimmerda mango ingielo ce stace nu pusticiello aggarbato per stare ognuno pei cazzi suoi.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."