19/06/2017

Mo' il sindico Mastella addafà inutuculu perchene si bisogna costruire uno statio coperto

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/letteraemigrante.jpg

Carissimo cainate,

ci voleva un sindico di paese pè portare la nostra scuatra di pallone addove un domani ci troviamo di fronte al Napoli o ala Fiorendina oppuramente al Milan e ala Juventus ca mai eppoi mai nisciuno cera penzato.

Il sindico Mastello ave ditto al capitano Lucione ora omai chiu ma nun mi ricordo buono siquesta frasa lera ditto puro nato prima di Mastello oppuramente isso la sera ca si decideva il destino del Benevento selera arricurdato ca sembre il dieci di giugno Isso il Duce Musellino era dichiarato uerra ala Merica.

Nunné listessa cosa ca puro il Benevento adda dichiarare uerra a tute le squatre ca lanno che vene deve venire alo statio ca cera miso nome Ciro Vigurito perchene funghette Ciro addire al frate Oreste Fatti onore.

E accussì funghette. Mò il sindico Mastello addafà inutuculu perchene si bisogna costruire uno statio coperto ca vicino al fiumo cuanno è vierne face friddo eppò adda costruire quattro o cingue ponti per fare arrivare milioni di spetatori cuanno il Benevento adda vengere partite difficile.

Ci abiamo levato lo sfizzio di pote dice puro ala Vellinese Addò iati ca  atesso la meglio squatra senza ofesa pe il Napoli siamo noi.

E mi aucuro ca un domani potiamo candare I Cambioni delItalia siamo noi. E mi piacesse tanto si putesse tornare ala Germnia cola mia squatra del quore pecce dare quattro trisommole a quei Teteschi ca io sembre aggio stato un amiratore mamò mennafà ucazzo e piacere di pote dice Monaco di Baviera vafangulo.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Il punto di vista"