01/07/2017

Risolta la crisi degli ambulanti... Si va verso un matrimonio

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/noccioline_bn.jpg

La questione è seria. C'è da garantire un minimo di sicurezza per chi è diretto alla Basilica della Madonna delle Grazie, per chi si limita ad un tozza-tozza nell'andirivieni di folla e per chi da questa folla vuole trarre legittimi guadagni.

Il sindaco Mastella ha disposto che le bancarelle devono stare solo su un lato dei percorsi obbligati (Corso Dante e Via Posillipo). Ha poi disposto che i venditori si possono sistemare oltre il fatidico semaforo in co' del ponte di Calore, fino a raccordarsi con via Ennio Goduti. Un piccolo gruppo potrà stazionare sulla sponda del parcheggio della falsa piazza Orsini (di fronte a Orzelleca, per intenderci).

Gli ambulanti si sono arrabbiati, perché queste disposizioni sono arrivate dopo che loro avevano “fatto le carte”. Mastella pare abbia detto che in caso di bisogno anche là dove ci sono bancarelle (e clienti attenti ad osservare le dimostrazioni di abili venditori) deve poter passare una ambulanza.

Tra ambulanti e ambulanze non dovrebbe essere difficile trovare un accordo. Sarebbe la prima volta che un ambulante e una ambulanza si ... incontrano. Mastella, che con la fascia tricolore è anche ufficiale d'anagrafe, batterebbe un altro primato. Il primo matrimonio civile tra un ambulante e una ambulanza. Soggetti, tra l'altro, di sesso indiscutibilmente diverso.

MARIO PEDICINI

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Il punto di vista"