06/07/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/valigiedicartone.jpg

Carissimo cainate,

si parla tanto di diritti ca ognuno potefà quelo che ci passa per la capa eppero' quando ricapita ca nu povero cristo decide di fare accapa soia succede il pan temonio. Chesto pringipalmente si è stato isso a pigliare una decisione ca a essa nun ci piace.

Perchene al mio penziere ma pozzo pure sbagliarmi si era stata essa la sposa ca nun vuleva chiu ammaritare tute le donne lavessa à plaudita condicente ca la donna è patrona di quella cosallà e da essa tutto dipende e allora il masculo saddastà fermo cole mane.

Immece è ricapitato ca un bravo giovine di Sardegna quanno tutto era pronto lietto mobbili e cuntanti cera venuto il dubbio. Durmenno inta la caserma dicui isso era militare pensavo ma perchene da stasera aggia dorme cò una persona strania e adderitura una femena ca si sape ca cuanno piglia nu piccio come la mitti nome?

E la matina appriesso ca era stato appriparato la cirimonia inghiesa e il cortevo e il pranzo cu tuti linvitati che serano fatti i vestiti nuovi luomeni vestuti coma tanti spaventapasseri niri e le femene tute meze annure inta la chiesia isso ci fece arrivare unambasciata a essa condicente Sientimi nu poco io nun pozzo ascire dala caserma nun ti pozzo dice altro ca ne potiamo parlare un altro giorno.

Essa si fosse stata una donna ò bediente avesse ditto Sine marito mio io ti aspetto e cuanno stai commodo faciamo pace.

Ennò questo nunnè chiu la ducazione moderna. Essa pè sfreggio sera vestuta da sposa e era mannata affangulo lu prevete e cera ditto alinvitati Iamo a strafocare ala faccia di chilo strunzo perchene stace tuto pacato.

E nunnè penzato ca forse isso sera sentuto umiliato dal fattore ca nunnera pacato il pranzo ma la femena daccordo col patre e il conzenzo dela matre cera fatta una fattura.

Al mio penziere nun si face peccato si si penza ammale.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."