04/08/2017

Siccità: la Regione Campania delibera l'aumento di gasolio agricolo

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/trattore2017.jpg

Confermato l'aumento di gasolio agricolo per sostenere la siccità che continua a flagellare i campi e le stalle. La Giunta regionale della Campania ha approvato la delibera proposta dall'Assessorato all'Agricoltura che prevede l'integrazione delle assegnazioni di gasolio agricolo per l'irrigazione e per gli allevamenti di bestiame, come sollecitato e proposto da Coldiretti Campania.

Arriva dunque un'assegnazione supplementare pari al 50% dei consumi medi per irrigazione su tutte le superfici agricole irrigue. Esaminate le principali colture diffuse sul territorio regionale - frutteti, tabacco, ortive e altre - e i relativi fabbisogni, Coldiretti ha calcolato che il fabbisogno è pari a quasi 400 litri per ettaro che, tenuto conto delle detrazioni del 23% previste dalla legge di stabilità, si traduce in assegnazioni di circa 300 litri per ettaro.

È stata accolta pertanto la richiesta di assegnare un ulteriore quantitativo di 150 litri di gasolio agricolo per ettaro di superficie irrigua, per far fronte ai maggiori consumi di carburanti per l'irrigazione sostenuti dalle aziende.

Questi quantitativi verranno concessi a seguito di richiesta presentata dopo aver prelevato l'intero quantitativo già assegnato. Le assegnazioni dovranno essere inoltrate entro il termine del 30 ottobre, per consentire il regolare consumo nel corso dell'anno solare.

Inoltre, data l'esigenza di considerare anche i problemi della zootecnia, è stata chiesta una maggiorazione del 10% rispetto a quanto già ottenuto a inizio anno. Il quantitativo extra è parametrabile in 4 litri per unità di bovino adulto (UBA) per gli allevamenti bovini e bufalini. Sia le richieste di maggiorazioni che di supplementi vanno effettuate sul nuovo sistema informativo regionale.

“Si tratta di un valido provvedimento - afferma il consigliere regionale Erasmo Mosrtaruolo - che l'Esecutivo ha voluto promuovere vista l'eccezionalità delle condizioni atmosferiche di grave siccità che si stanno registrando in queste settimane e che hanno determinato condizioni di crisi del settore agricolo che rendono urgenti e non procrastinabili gli interventi in merito. Rispetto a queste emergenze, è necessario far fronte anche ai maggiori consumi di carburanti sostenuti dalle aziende per l'irrigazione delle colture e per l'approvvigionamento di acqua per gli allevamenti reintegrando la disponibilità per le successive lavorazioni con l'attribuzione di maggiorazioni”.

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "In primo piano"