14/09/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/valigiaemigrante_3.jpg

Carissimo cainate,

il putanesimo dele donne doppo che si anno preso le altre cariche delo Stato e ci voleno zeffunnare di giudici e prefetti cuma si non ci abbastassero presite e prufessoresse anno arrivato a conguistare il comando generale dela menta e del corpo. Camò ti spieco.

Erano abbiate affare le dottoresse e fiacchè erano orechio naso eggola tutalpiù si strefecavano le mane co longhie pittate attuorno ala faccia. Pò erano abbiate affare le dentiste callà si nun ti stai accuorto puro i dottori masculi ti strefecano cole parti basse cola scusa ca si devono accò colare vicino al paziento.

Cola scusa dela parità ma sembre cola mala intenzione di distrugge la vera umanità deluomo di natura mo le femene si songo mettute affare la landrologgia e la pissi canalise ammiscanno cose di carna e cose di cervello ca al mio penziere era meglio cuanno di tute queste cose si interessava il prevete confessore ca ti faceva metere scuorno ma con tre patre ave e gloria te ne mannava alacasa.

Mò na strunzella qualungue ti vole uardà annuro e adderitura ti vole pigliare immano quelo ca un uomo tene dippiù caro ca puro al dottore masculo nonnè ca ce lo faceva maniare cò disinvoldura.

Eppò sembre essa ti vole enghie la capa cola scusa ca ci stessero tecniche di intostamento mericane  per contrastare il calo del desiderio che al mio penziere si trata di un altro inganno ca sulamente la diabbolica menta feminile è stata cazza di inventare.

Ma quale calo di desiderio? da quando inguà quela cosa ammosciata si chiama desiderio?

Inzomma il putanesimo dele donne ca una volta era un pericolo è diventato peggio dela tembesta mericana dicui ammè nun mene fote nienti perchene mai eppoi mai io avesse iuta ala Merica ma mi abbastava la Germania una cità nela quale le femene serano stà alloro posto.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."