01/10/2017

Calcio Serie A: contro l'Inter il Benevento cerca un po' di luce

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/beneventointer.jpg

La gara di questo pomeriggio contro l'Inter (fischio d'inizio alle 15, e sarà la prima volta al 'Vigorito') rappresenta certamente per il Benevento il giorno della verità.

Del resto, all'indomani della sconfitta di Crotone il presidente Vigorito è stato abbastanza chiaro: 'Il nostro campionato inizia ora, e mi attendo una risposta della squadra dopo il ritiro a Roma'.

Ora bisognerà vedere in che modo la squadra risponderà, se si sarà ricompattata, ma non è che il ritiro (punitivo?) abbia portato, a quanto sembra, troppe novità.

Per la gara di questo pomeriggio quasi certamente Baroni non riuscirà a recuperare quasi nessuno degli infortunati (forse soltanto Djimsiti e D'Alessandro potrebbero partire dalla panchina), ma soprattutto preoccupa la pessima esibizione offerta dalla squadra nell'allenamento del giovedì quando i giallorossi sono stati sconfitti per 3-1 dai dilettanti dell'Atletico Fregene, una compagine di sedie D. La sconfitta ha fatto letteralmente infuriare anche Baroni, che ancora una volta ha visto una squadra senza idee nè personalità… E se non si riesce a vincere neanche contro una compagine di dilettanti, allora vuol dire che veramente l'undici giallorosso è messo veramente male!

A tutto ciò dobbiamo aggiungere che questo pomeriggio la 'strega' sarà costretta ad affrontare una big del torneo, l'Inter di Spalletti terza forza del torneo, che giunge nel Sannio con quasi tutti i titolari e l'intenzione di fare un solo boccone dei giallorossi, ultimi in classifica ed anche con numeri abbastanza pesanti.

Quindi tantissime difficoltà per il Benevento, con i tifosi che sperano di non dover ingoiare un nuovo boccone amaro e di non dover assistere ad una nuova goleada da parte degli avversari di turno (come verificatosi contro Napoli e Roma).

Tutto da vedere e da verificare con quale spirito i giallorossi scenderanno in campo dopo la settimana di ritiro, e soprattutto in che modo affronteranno la gara. Già dai primi minuti si capirà se qualcosa è cambiato a livello di concentrazione e se c'è stata la 'scossa' richiesta da Vigorito. Se poi si dovesse continuare sulla vecchia strada allora è chiaro che, approfittando anche della settimana di sosta del torneo (a proposito Parigini, Belec, Puscas e Memushaj saranno impegnati con le Nazionali) occorrerà intervenire in modo diverso perché continuare con il ritiro (come già si vocifera) potrebbe essere controproducente. Ed allora sono in tanti a prevedere che per Baroni la gara di questo pomeriggio contro l'Inter potrebbe rappresentare veramente l'ultima spiaggia.

Comunque, la sosta del torneo potrebbe essere importante per cercare di recuperare tutti gli infortunati, ad iniziare da Ciciretti, Antei e Iemmello.

Contro l'Inter ancora una volta vedremo un Benevento con tanti assenti, e quasi certamente vedremo in campo l'undici che tanto ha deluso a Crotone. Naturalmente in porta ci sarà Belec, sulle fasce dovrebbero agire Venuti e Letizia, mentre al centro della difesa Costa potrebbe avere al proprio fianco Djimsiti se ce la farà oppure Gravillon. Il centrocampo dovrebbe essere formato a quattro da Chibsah, Cataldi e Memushaj con Lombardi sulla fascia, mentre in attacco i favoriti dovrebbero essere Coda e Puscas. In panchina  potrebbe sedere D'Alessandro, uno dei tanti infortunati, mentre ancora una volta Iemmello dovrebbe accomodarsi sugli spalti.

Insomma, dalle poche notizie che giungono Baroni dovrebbe insistere con quel 4-4-2 che fino ad ora è stato un vero e proprio fallimento, per poi passare ad un 4-3-2-1 in caso di necessità facendo scendere in campo Parigini.

Tanti ex nerazzurri oggi nel Benevento. Innanzitutto Belec che con l'Inter ha giocato anche tre gare in Europa League, poi Puscas che con la casacca nerazzurra ha disputato quattro gare in serie A nella stagione 2014/2015, infine Gyamfi e Gravillon che sono cresciuti nel vivaio dell'Inter.

Da parte sua l'undici di Spalletti scenderà in campo al gran completo e pochi sono i dubbi dell'allenatore. Al 'Vigorito' l'allenatore nerazzurro insisterà con il suo solito 4-2-3-1, con il bomber Icardi unica punta, Candreva e Perisic sulle fasce alte e Brozovic in aiuto ad Icardi. Insomma sarà un'Inter veramente da temere.

A dirigere la gara è stato anche questa volta chiamato un arbitro molto esperto con alle spalle ben 12 stagioni in serie A: toccherà al romano Daniele Doveri, che ha diretto ben 112 gare in serie A, con 53 successi della squadre di casa, 31 pareggi e 28 successi esterni, 43 rigori concessi e 34 espulsi. Nella sua carriera ha in totale diretto ben 210 gare con uno score di 102 successi delle squadre di casa, 57 pareggi, 51 successi delle compagini in trasferta, 79 rigori concessi e 71 espulsi.

Un solo precedente con il Benevento risalente all'8 febbraio 2009 con i giallorossi che pareggiarono per 1-1 a Pagani, mentre ben 10 i precedenti con l'Inter con 2 vittorie, 4 pareggi ed altrettante sconfitte. A coadiuvare con Doveri sono stati designati Pasquale Di Meo di Foggia e Rodolfo Di Vuolo di Castellammare di Stabia, IV uomo Francesco Fourneau di Roma, addetti al VAR Paolo Valeri ed Alessandro Giallattini entrambi di Roma.

Ecco, comunque, il programma della settima giornata:

▪ Atalanta - Juventus (Samato - Valeriani - Marrazzo - Nasca - VAR Orsato e Ghersini)

▪ Benevento - Inter (Doveri - Di Meo - Di Vuolo - Fourneau - VAR Valeri e Giallatini)

▪ Chievo - Fiorentina (Giacomelli - Schenone - La Rocca - Illuzzi - VAR Mariani e Tonolini)

▪ Genoa - Bologna (Rocchi - Di Iorio - Mondin - Di Paolo - VAR Irrati e Baroni)

▪ Lazio - Sassuolo (Maresca - Bindoni - Prenna - Sacchi - VAR Guida e Saia)

▪ Milan - Roma (Banti - Crispo - Costanzo - Namganiello - VAR Massa ed Aureliano)

▪ Napoli - Cagliari (Abisso - Longo - Del Giovane - Pezzuto - VAR Calvarese e Pillitteri)

▪ Spal - Crotone (Mazzoleni - Peretti - Zappatore - Pairetto - VAR Pasqua e Meli)

▪ Torino - Hellas Verona (Gavillucci - Posado - Dei Giudici - Abbattista - VAR Di Bello e Di Fiore)

▪ Udinese - Sampdoria (Fabbri - Alassio - Vivenzi - Rapuano - VAR Tagliavento e Giuia).

GINO PESCITELLI

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Attualità"