19/10/2017

Lavarsi le mani? La Regione no

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/lavarsilemani_1.jpg

Quando le cose vanno male si dice che il Comune fa acqua da tutte le parti. Quando, come in queste ore, l'acqua è poca non solo la papera non galleggia, ma sorgono angoscianti interrogativi.

La massima parte di acqua (peraltro ottima) giunge a Benevento dall'acquedotto Torano-Biferno grazie alla gestione dell'Acquedotto Campano che fa capo alla Regione. La gestione tecnica è curata dalla GESESA. A gestire le ricadute sulla vita dei cittadini dell'improvvisa mancanza del “prezioso liquido” è il Comune.

Proprio a Palazzo Paolo V ci sono state concitate fasi prima di arrivare ad una dotta ordinanza. Per democrazia tutto quello che si fa a Palazzo Mosti si viene a sapere. Compreso un minaccioso avvertimento del presidente di GESESA, il medico Luigi Abbate: “La Regione non pensi di lavarsene le mani”.

Gli assistenti sintattico-grammaticali del presidente Vincenzo De Luca gli avrebbero suggerito di non rispondere alla provocazione. Come farebbe, infatti, a lavarsi le mani se manca proprio l'acqua?

MARIO PEDICINI

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Il punto di vista"