20/10/2017

Ti sono quasimente scritto questa lettera

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/valigiaemigrante_5.jpg

Carissimo cainate,

ai tiempi miei la scola era una cosa seria ca ognuno sapeva quelo ca si doveva fare accomingiare dal bitello ca propetamente teneva immano tuta la scola accomingiare dai cessi sembre in ordine ca chi era abbituato affare le cose del corpo umano al fresco delorto nun sapeva veramente addove addirizzare il gettito.

E era isso stesso il bitello di scola ca controllava cuanno si traseva e cuanno si asceva e nunnè ca uno poteva trase e ascì cuanno ci passava pela capa. Tuto succedeva al suono dela cambana tale e quale coma ala chiesia ca era una cosa solenne ca al solo penziere tu dicivi il confitteoro.

Mo stanno succedendo cose nuove coma quela presita laquale cera ditto ca nisciuno pote ascire dala scola si nunce stace il patro o la mamma a rititare il figlio ecchesto puro ala scola superiora.

Tu dici ma chesta presita è asciuta paccia? Al mio penziere nunnè accussì.

Ai mai visto ala matina coma arriva la gioventù ala scola ca songo tuti acompagnato cola machina? Embè avrà pensato la presita si ci teniti ala salute dei figli veli dovete venire a pigliare sani e salvi capò quelo ca faciti doppo partuti dala scola nun songo cazzi miei. Cucchello ca si sente apposto suo facesse purio accussì.

Tu dici ca sulo una presita femena pote arivare e penzare una cosa del genero e ti dongo raggione perchene sulo una femena sape quando songo di pericolo le corne del diavulo. Songo propetamente patri e mamme di giovini smidollati ca li porteno appisi inganna ca per una cosa qualsiesi si apprisentano co lavocato e ala presita ci fanno causa.

Già si uno ave pigliato uno scarzo voto si apprisenta lavocato figurarsi si succede ca uno studente mete inginta una combagna di scola ala presita ci cercano danno morale emmateriale.

Aggio saputo ca ce stace un zeffunno di avocati tantè ca dumeneca non songo stati cazzi di finisce le votazione acchì era diventare prisidento tu immagina come si menassero inta le scole si non ce stesse una presita cola malizzia feminile a risponne io nun saccio niente addimannati al patro o ala mamma ca io alloro li aggio à fidati.

Col quale ti saluto etti stringo in forte braccio avvoi tuti di famiglia che spero sembre in salute.

L'EMIGRANTE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Ti sono quasimente scritto..."