04/10/2012

Questione di lessico

Il Ministro Patroni Griffi ha rinviato al mittente la “domanda di deroga” espressa, anche via etere (cioè per aria), dalla Regione Campania circa la soppressione della provincia di Benevento. Il Ministro ha perfettamente ragione.

Il Governo ha deciso di ridurre il numero delle province. Se si deroga per Benevento, si dovrà derogare per le povere città toscane. E per quelle emiliane. E, così via, addio riduzione.

Fermo restando il numero previsto dal Governo, noi per Benevento non dobbiamo chiedere una deroga, bensì un diverso criterio (oggettivo) di contabilizzazione del fattore “abitanti” rispetto ad un bacino territoriale più ampio delle singole, attuali, province. Che è la proposta di Realtà Sannita: 50 tra province e città metropolitane assegnate ad ogni regione in virtù di un quoziente di popolazione di 1.200.000 abitanti Come se si trattasse di eleggere 50 enti con criterio proporzionale (compresa la assegnazione dei resti).

In tal caso la Campania avrebbe la sua città metropolitana e conservebbe le sue province, senza bisogno di ritoccarle.

Aver dato alle Regioni e alle comunità locali lo spazio per “osservazioni e proposte” non può significare averle prese in giro. Ma se in sede locale non si usa a proposito la lingua italiana l'unica risposta è quella che, perentorio, ha anticipato il Ministro.

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Spunti di vista"