14/04/2013

Il libro di Panella è tutto da leggere

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/letterelettere.jpg

Caro Direttore,

ho letto con molto piacere il libro di Giuseppe Panella “La condizione della donna nei secoli” edito dal tuo giornale Realtà Sannita.

Non a caso è stata scelta per la presentazione al pubblico la data dell’8 marzo “festa della donna”. Il numeroso pubblico presente ha voluto dimostrare quanto interessa conoscere “la condizione della donna nei secoli”.

Nella presentazione del libro il professore Elio Galasso scrive: “Questo singolare gusto di indagare finisce per tradurre le riflessioni in emozioni, quasi in sensazioni, le trasmette al lettore, lo trasforma in interlocutore – e poi prosegue – In sostanza questo testo aiuta a mettere in campo una consapevolezza ed una forza nuova”.

Il libro di Panella va letto per rendersi conto quanto la donna viene giudicata e considerata dagli uomini, dalla società, dal mondo, si evidenzia un maschilismo esagerato, insomma tutto il mondo è maschile. Nascono quindi alcuni interrogativi: “E’ da tanto perciò, che Cristo è maschio? Maometto è maschio? Ed infine il Padre Eterno, gli Apostoli, il Patriarca, il Dalai Lama, il Rabbino ed i loro Rappresentati sulla terra, appartengono tutti al sesso maschile?”.

Ed ancora: “Nella Chiesa di Roma c’è il Papa, il Cardinale, il Vescovo, il Sacerdote, il Diacono, similmente ad altre chiese c’è il Patriarca, il Dalai Lama, il Rabbino, ecc”.

A questo punto compare la donna nella religione cattolica, la suora o monaca, destinata all’obbedienza, la suora missionaria, nobile figura che merita attenzione, la monaca di clausura in totale dedizione alle preghiere, al Dio invisibile”. E poi c’è anche la Monaca di Monza di A. Manzoni.

La donna nel libro di Panella viene presentata in tutte le sue sfaccettature e l’autore non tralascia nemmeno di trattare lo scottante tema della prostituzione e delle case chiuse.

Il libro va letto per “assaporare” ancora una volta la “condizione” della donna, mamma, moglie, sorella.

La donna è anche desiderio, la parola desiderio deriva dal latino Sidereus, stella, quando in un cielo stellato vediamo cadere una stella esprimiamo un desiderio. Si avvererà?

NICOLA PICA 

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Lettere"