09/05/2013

Ce la farà il Comune senza entrate sostitutive?

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/gelsomina_2.jpg

Cavalie’,” mi saluta, punzecchiandomi, la nostra lavascale “finalmente siete uscite dalla vostra tana! E’ da parecchi giorni che vi fate desiderare. Vi confesso che stavo un poco in pensiero. Vuoi vedere - mi sono detta - che il cavaliere è caduto un poco malato? Meno male che mi sono sbagliata così mi posso fare quattro chiacchiere con voi...”

Vincendo l’impellente desiderio di un gesto scaramantico, mi dichiaro disponibile a scambiare qualche(?) opinione: “Gelsomi’, eccomi pronto a sentire i tuoi commenti sulla vita cittadina”.

Cavalie’, vi dispiace se aìzo (alzo) un poco il tiro e parlo della situazione governativa. Voi che ne dite? Vi piace il governo Letta?”.

Beh, era l’unica situazione possibile...”.

Io concordo con voi...anche se potevano scegliere ministri tra gente di prima scelta. Cavalie’, a me sembra - ve lo voglio dire papale, papale - che “i foderi combattono e le sciabole stanno appese”.

Gelsomi’, i personaggi, come tu dici, di prima scelta, richiamavano alla mente vecchi contrasti. Ed ecco invece la soluzione di candidati non invisi tra di loro.

E, poi, la scelta di personaggi non troppo reclamizzati ci ha portato un ministro beneventano”.

Cavalie’, mi fa molto piacere, ma... dopo l’On.le Vetrone abbiamo un altro paladino dell’agricoltura e foreste. Possibile che noi sanniti dobbiamo farci indicare soltanto per il lavoro dei campi? Io magari mi sarei aspettato, che so, un ministro del lavoro (che avrebbe potuto dare un posto di lavoro almeno a quei giovani che stanno invecchiando in attesa del primo impiego...). Magari era lecito sperare nel ministero del turismo, dato che abbiamo tanta carne a cuocere: la chiesa di Santa Sofia, l’arco di Traiano, il teatro romano, non una ma addirittura due doppie porte di bronzo... Con il ministro del turismo avremmo potuto avere certamente qualche altro finanziamento per... allargare l’ombrello che hanno messo sopra l’arco di Traiano (che se ora piove a ventata la pioggia filtra dalla copertura nell’arco).

Gelsomi’, non mettiamo limiti al potere del ministro De Girolamo. I ministri se li scambiano i favori...”.

Cavalie’, comunque non mi pare proprio che il Pd e il Pdl marcino nel governo felici e compatti. A rompere la tregua armata c’è l’Imu che Berlusconi vuole cancellare, mentre le forze cobelligeranti di Letta vogliono per ora soltanto sospendere... Io spero che me la cavo a non pagare la tassa sulla prima ed unica casa che tengo. E magari spero che mi restituiscano l’Imu versata l’anno scorso....

Comunque l’Imu provoca contrasti anche a Benevento tra maggioranza ed opposizione. Per ora la Commissione Finanza ha bocciato la delibera del ritocco dell’ aliquota sancito dalla Giunta.

L’intricata situazione dovrà sciogliersi in consiglio comunale.

Dicono quelli della maggioranza: “Noi non siano insensibili al grido di dolore che si eleva da tanta parte della popolazione, però, vorremmo sapere dal governo quali saranno le entrate sostitutive. E gradiremmo sapere con certezza quali saranno le garanzie che ci saranno fornite. Siamo ancora in attesa del recupero delle entrate a seguito dell’abolizione dell’ICI...

Cavalie’, voi che ne dite? Riuscirà il governo a salvare il contribuente dalla tassa sulla prima casa... senza nuove tasse aggiuntive?”.

Gelsomi’, speriamo bene!...”.

Cavalie’, e che dite delle autocertificazioni dei redditi da parte degli studenti dell’Università del Sannio? Sarà la Guardia di Finanza a controllare la certificazioni.

La agevolazioni siano di esclusiva pertinenza delle famiglie davvero meno abbienti...

Cavalie’, non scappate! Mi pare che avete sempre la neve nella sacca (tasca) Mi scappa di sapere che ne dite di quei cittadini, sempre più numerosi, che depositano alla rinfusa i rifiuti ai bordi degli appositi contenitori e soprattutto vicino alle campane del vetro.

Per contrastare l’avvilente fenomeno l’Asia si trova a mal partito: con la sparuto organico di appena 54 unità non riesce a garantire un controllo costante sul territorio. Si tenta di correre ai ripari con l’introduzione di un nucleo d’intervento della Polizia municipale, l’unica a potere sanzionare le multe. Sì, sì, avete capito bene: dove non può, per carenza di personale, l’Asia, c’è il Comando dei vigili urbani che di personale ne ha a iosa...

Ma raschiando il fondo del barile del bilancio l’Asia ha deciso l’acquisto di tre telecamere mobili, dotate di sensori anche notturni. I filmati saranno consegnati agli organi di polizia (municipale) e allora “guai ai contravventori!”.

Le solite difficoltà economiche comunali hanno poi fatto escogitare all’assessore Luigi Scarinzi un piano antinquinamento del verde: un piano di stretta collaborazione con i fiorai che hanno promesso il loro solidale appoggio...”Purchè non ci chiedano,” ha detto un fioraio “di sostituirci ai netturbini...”.

CLEMENTE CASSESE 

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "Gelsomina la sa lunga"