03/10/2013

Concluse le sfilate, 'in passerella' anche le Femen

http://www.realtasannita.it/bt_files/newspaperFiles/lefemen.jpg

Le presentazioni delle nuove collezioni si sono appena concluse e, come spesso accade, non è mancato l’imprevisto ad animare i giorni dedicati alle sfilate che vedono i più famosi stilisti presentare le loro creazioni nelle maggiori capitali della moda.

Questa volta, a conquistare l’attenzione degli invitati e della stampa, sono state le Femen, noto movimento di protesta ucraino che, mostrandosi in topless, manifesta soprattutto contro il turismo sessuale e la discriminazione di genere.

Stava sfilando in passerella una giovane modella inglese, quando due Femen ucraine l’hanno raggiunta, una voleva travolgerla ma lei, top model tra le più ambiziose del momento, a perdere il suo momento di gloria proprio non ci pensava e così, con uno strattone, è riuscita a divincolarsi e a sferrare un involontario e lieve pugno alla manifestante prima ancora che fosse la security a bloccare e portare via le due donne, tra spettatori divertiti e fotografi impazziti.

In ogni caso gli slogan, disegnati col pennarello nero sui corpi delle ragazze, sono stati chiaramente visibili; un invito alle modelle a non “vendere” il proprio corpo e un’accusa al settore moda, ritenuto sessista e dittatore.

La modella si è poi sfogata anche su Twitter e coi giornali inglesi: “avrei voluto buttarle entrambe giù dal palco”, ha dichiarato, “mi hanno rovinato la sfilata”.

I giorni della moda hanno assistito anche a nuovi debutti, come quelli di Tod’s e Fay, che hanno sfilato per la prima volta, oltre alle inaugurazioni di nuove boutique. Non sono mancate nemmeno le celebrities che, come di consueto, hanno popolato le prime file delle sfilate; tra le tante Catherine Deneuve da Lanvin, Nancy Brilli da Laura Biagiotti, Blake Lively da Gucci.

RENATA DEL PRETE

Torna alla home page

Visualizza altri articoli "L'angolo della moda"