Il presepe vivente aspettando la salma di Padre Pio Enti

Quest’anno l’edizione del presepe vivente di Pietrelcina sarà dedicata a Padre Pio giacché la salma del santo giungerà nella sua terra Natale nel mese di febbraio. Ricordiamo, infatti, che il corpo di San Pio sarà spostato da San Giovanni Rotondo e portato per 10 giorni a Roma nelle varie chiese della capitale. Prima di essere riportato a San Giovanni Rotondo resterà nel paese natale del santo nei giorni 11,12 e 13 febbraio.

Come ogni anno il borgo medievale del “Castello” di Pietrelcina sarà trasformato in uno scorcio della terra palestinese. La XXIX edizione del presepe vivente si svolgerà nei giorni 27, 28 e 29 dicembre. Più di 300 sono gli attori che ne prenderanno parte.

Il comitato organizzatore di Pietrelcina ha già iniziato gli allestimenti di nuove scene e location, alcune delle quali rappresentate all’interno di stanze in cui ha vissuto il santo. Anche la rappresentazione della sacra famiglia sarà all’interno di una stanza appartenuta a san Pio.

Per gestire il flusso turistico c’è bisogno di una prenotazione per motivi di sicurezza e gestione. L’ingresso è gratuito ed è possibile prenotarsi al numero 0824990014 dal primo dicembre sia come singoli sia come gruppi. Per i disabili vi sarà una corsia preferenziale.

Nel periodo natalizio sarà trasmesso su Rai 1 “Pietrelcina come Betlemme” che, da qualche anno a questa parte, è uno speciale servizio proprio sul presepe vivente di Pietrelcina.

ANGELA FAIELLA

Altre immagini