Messa in sicurezza del fiume Isclero: il nuovo programma di lavoro provinciale Enti

Il presidente della Provincia di Benevento Claudio Ricci ha approvato un provvedimento, curato dal responsabile di Servizio ing. Salvatore Minicozzi, che consente di utilizzare al meglio le risorse finanziarie disponibili per il sistema depurativo fognario e per il disinquinamento del fiume Isclero.

Un Protocollo d’intesa con i Comuni di Dugenta, Durazzano, Limatola e Sant’Agata de’ Goti consentirà alla Provincia di ottimizzare la spesa pubblica destinata a mettere in sicurezza l’importante corso d’acqua che attraversa la Valle Caudina sannita.

Nel documento, che a breve sarà sottoscritto, si fa riferimento a fondi concessi alla Provincia dal Comitato Interministeriale della programmazione economica, risalenti a circa due decenni or sono e destinati al disinquinamento di un tratto del fiume Isclero: tale finanziamento purtroppo non è stato utilizzato del tutto a causa di una serie di  contenziosi.

Nel frattempo, però, altri interventi di disinquinamento venivano programmati e realizzati dalla Agenzia Regionale Campana per la Difesa del Suolo lungo lo stesso corso d’acqua: dunque, una volta sbloccate le risorse finanziarie disponibili, la Provincia, al fine di razionalizzare gli interventi di spesa pubblica, ha raggiunto un’intesa con i Comuni rivieraschi di Dugenta, Durazzano, Limatola e Sant’Agata de’ Goti.

E, così, per evitare di realizzare “doppioni” ovvero opere superflue, la Provincia provvederà a rivedere quelle a suo tempo progettate e a completare alcuni interventi rimasti in sospeso negli stessi Comuni rivieraschi.

Il nuovo programma dei lavori, che a breve sarà formalizzato, prevede dunque che la Provincia renda:

1) funzionale l’impianto di depurazione dell’area Pip di Sant’Agata de’ Goti, che serve anche il Comune di Durazzano;

2) completi l’adeguamento e l’ammodernamento dell’impianto di depurazione in località Molino Vecchio di Dugenta;

3) completi l’impianto fognario lungo la strada comunale Pisciariello di Limatola.

“Abbiamo raggiunto nel contesto della concertazione istituzionale una buona intesa con gli amministratori dei Comuni rivieraschi - ha commentato Ricci -. Ancora una volta abbiamo ripreso per i capelli un programma d’intervento che rischiava di essere dimenticato. Nell’interesse delle popolazioni e dei territori, siamo invece riusciti a rimettere in campo risorse finanziarie che torneranno utili per la salute del fiume Isclero e quindi di tutte le aree bagnate da questo corso d’acqua”.