Si arricchisce il Museo del Sannio Caudino Enti

L'antica Caudium, capitale dei Sanniti Caudini, sorgeva nei pressi dell'attuale città di Montesarchio. Le prime tracce di vita dell'insediamento sembrano risalire già alla fine del IX - inizi dell'VIII sec. a.C., epoca alla quale si possono attribuire anche le prime attestazioni dalle necropoli. Una gran parte dei reperti rinvenuti nelle tombe presenti sulla maggior parte del territorio di Montesarchio, sono in mostra presso il Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino realizzato nel Castello che sovrasta tutta la Valle Caudina e che insieme alla Torre borbonica è simbolo dei caudini. Nei giorni scorsi, in seguito a scavi effettuati per la realizzazione della nuova rete fognaria, in via Napoli è stato rinvenuto un cratere risalente al VI secolo a.C. che va ad arricchire il patrimonio archeologico cittadino.

Un vaso a figure nere, una riproduzione attica risalente agli ultimi decenni del VI secolo a.C., ed è di una forma rara, con notevole ricchezza di scene in esso raffigurate. Nei giorni successivi, in seguito ad altri scavi sono stati portati alla luce altri vasi, oggetti, utensili e monili che erano stati collocati a corredo delle tombe.

Fra i vari oggetti sono stati ritrovati dei bottoni d’oro, che evidentemente facevano parte delle vesti di una donna, ed una collana d’ambra che dopo la pulitura mostrerà tutta la sua bellezza. Presso la Biblioteca Comunale, nell’ambito di un incontro organizzato dall’amministrazione comunale “Montesarchio fra infrastrutture e scavi archeologici”, Luigina Tomay, funzionario responsabile degli uffici archeologici di Montesarchio e Benevento, ha presentato al pubblico i recenti ritrovamenti archeologici spiegandone le origini ed il significato della loro presenza nelle tombe.

Nel contesto della manifestazione, la Tomay ha ringraziato tutti gli operatori che hanno lavorato con grande dedizione per il recupero dei numerosi reperti portati alla luce, ed i dipendenti del Museo per la loro disponibilità e collaborazione.

LUCIA DE NISI

Altre immagini