A Palazzo Paolo V la conferenza stampa di presentazione della XXXVI edizione di 'Benevento Città Spettacolo' In primo piano

Venerdi' 28 agosto, alle 11.00, a Palazzo Paolo V, si terra' la conferenza stampa di presentazione della XXXVI edizione di Benevento Citta' Spettacolo - Miti, Eroi e Gente comune.

Parteciperanno il sindaco Fausto Pepe, il vice sindaco e assessore alla cultura Raffaele Del Vecchio, il direttore artistico Giulio Baffi.

Tanti gli appuntamenti per questa edizione di Benevento Città Spettacolo, la sesta dopo i 30, molti al Teatro Romano, gentilmente concesso dalla Sovrintendenza, dove si svolgeranno i momenti più importanti del Festival: lo spettacolo di apertura che come ormai consuetudine, è ancora una vota affidato al Conservatorio Nicola Sala con la celebrazione di uno dei grandi miti della musica, Giuseppe Verdi.

Il genio amato - il mito di Giuseppe Verdi raccontato dalle sue donne, questo il titolo del momento in musica con l'orchestra del Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento diretta dal M° Francesco Ivan Ciampa e con il coro del Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, diretto dal M° Adriana Accardo, per la regia di Pacifica Artuso.

Sempre al Teatro Romano si avrà l'importante prima nazionale dell' Orestea, messa in scena da Luca De Fusco per il Teatro Stabile Nazionale della città di Napoli. Unica trilogia ad essere sopravvissuta fino ai giorni nostri, l'Orestea di Eschilo racconta una storia suddivisa in tre episodi, le cui radici affondano nella tradizione mitica dell'antica Grecia.

L'Orestea messa in scena da De Fusco sarà uno spettacolo “in musica”, la cui partitura sarà curata dal compositore israeliano Ran Bagno.

A dare voce ai personaggi della tragedia, un cast d'eccezione che vede in scena, tra gli altri, Mariano Rigillo nel ruolo di Agammenone, Elisabetta Pozzi in quello di Clitennestra, Gaia Aprea nel doppio ruolo di Cassandra e Atena, Giacinto Palmarini in quello Oreste.

Ad Angela Pagano sarà riservato il compito di dar voce a buona parte delle battute del coro femminile, sia quello delle troiane, vittime dolenti, sia quello delle terribili Erinni.

Al Conservatorio Nicola Sala è affidato ancora una volta il tradizionale “Concerto all'alba” per ottoni ed il “Leggero ma non troppo”, dedicato alla musica di una leggenda della musica, Cole Porter.

In “prima nazionale” potremo applaudire “L'amore per le cose assenti”, scritto e diretto da Luciano Melchionna.

Giovani compagnie, autori, attori, registi, porteranno a Città Spettacolo le loro originali creazioni, divertenti o drammatiche, coinvolgenti sempre.

Si riproporranno le “Letture stregate” con i finalisti del Premio Strega.

Riconfermato, l'ormai consolidato, appuntamento con il convegno organizzato dal Centro Napoletano di Psicoanalisi e Società Psicoanalitica Italiana. Spazio sarà dato al laboratorio di scrittura creativa, alle mostre, ai “percorsi tattili” per vedenti e non vedenti, ai musical, alle performances di danza contemporanea.

Altre immagini